Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

All’ospedale di Varese ricoverati solo i non vaccinati, il direttore di Medicina interna: «Qui capiscono l’errore e si pentono»

la testimonianza del medico: «Noi pensiamo a curarli. Loro capiscono da soli di aver commesso un errore»

Il professor Francesco Dentali, direttore del dipartimento di Medicina interna dell’ospedale di Circolo di Varese, ha raccontato la situazione nel suo nosocomio in questo primo mese estivo dopo una primavera impegnativa sul fronte Coronavirus. A oggi, ad essere ricoverati nel reparto Covid – ancora attivo – sono solo due tipi di pazienti: i degenti di lunga data, fermi in ospedale per complicazioni di altra natura e che lo contraggono in forma lieve grazie al vaccino, e chi ha preso la Covid-19 in forma più grave perché non vaccinato. «Noi pensiamo a curarli – ha detto Dentali – ma loro capiscono da soli di aver commesso un errore e si pentono di non aver fatto la vaccinazione. A quel punto sono già molto tristi dell’errore: capiscono che la campagna vaccinale è una cosa seria», ha aggiunto. «La vaccinazione è per tutta la comunità. Anche se mi sento invincibile, ho una serie di persona intorno a me che lo saranno meno. Il fatto che ci sia poca consapevolezza ci fa arrabbiare e ci dispiace. Ci eravamo assuefatti a quasi mille morti al giorno, adesso invece siamo a poche decine. E questo è solo grazie alla campagna vaccinale».


Immagine: ANSA/GIUSEPPE LAMI


Continua a leggere su Open

Leggi anche: