Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il delirio No vax su un manifesto davanti all’ospedale di Senigallia, il virologo Silvestri furioso: «Vergognosi»

«I vaccini possono causare eventi gravissimi e la morte», «dal Covid 19 si può guarire con cure domiciliari precoci e sicure. Non non siamo cavie da laboratorio!!», sono alcune delle frasi comparse fuori dall’edificio

«Covid-19, le verità da conoscere», così recita il manifesto apparso poche ore fa sulle mura dell’ospedale di Senigallia e «realizzato con i contributi di Liberi Cittadini». Frasi di chiaro orientamento No vax scritte in maiuscolo e posizionate in bella vista puntano a svelare le verità nascoste che ci sarebbero dietro al virus e alla pandemia: «Dal Covid 19 si può guarire con cure domiciliari precoci e sicure. I vaccini anti-Covid sono un esperimento di massa. Noi non siamo cavie da laboratorio!!». E ancora: «I vaccini possono causare eventi gravissimi e la morte. No a qualsiasi obbligo vaccinale e sperimentale!!! No al Green pass!!». La scelta di affiggere il cartello proprio sulle mura di un ospedale, dove decine di pazienti Covid si sono alternati in più di un anno e mezzo di pandemia, non è ovviamente casuale. A commentare l’accaduto è stato il virologo Guido Silvestri, ora docente negli Usa alla Emory University di Atlanta e originario proprio della cittadina anconetana: «Un gesto vergognoso». Su Facebook ha postato l’immagine del manifesto aggiungendo un lungo sfogo intitolato «Tristezza». «È apparso proprio a pochi metri dalla casa dove abitavano i miei genitori», ha detto il fondatore della pagina social Pillole di Ottimismo, quotidianamente impegnata nell’analisi dei dati Covid in Italia. «Se questi “Liberi Cittadini” che lo hanno fatto affiggere volevano darmi un dispiacere, beh, sappiano che ci sono perfettamente riusciti (anche se mi rendo conto che i motivi di questa azione siano, ovviamente, ben più complessi). Comunque sia, per come la vedo io, questa gente dovrebbe solo vergognarsi a pubblicare certa roba».



Leggi anche: