Messi ha già smesso di piangere, a Parigi ritrova il sorriso: «Al Psg per vincere l’ultima volta» – Il video

La “Pulce” durante la presentazione presso la sede del club francese: «Non vedo l’ora di giocare, sono felice»

«Una giornata storica», il presidente del Paris Saint Germain Al-Khelaifi non ha dubbi, la definisce così la presentazione del nuovo acquisto Lionel Messi. Quello che in sostanza è il colpo di questa finestra di calciomercato, è stato accolto dai tifosi in delirio fuori dalla sede del club parigino, che ha acquistato a parametro zero il fuoriclasse argentino dal Barcellona dopo il mancato accordo tra il calciatore e i blaugrana. Dopo le settimane convulse e l’addio al club dove è cresciuto affermandosi ad alto livello, Messi ha finalmente parlato della sua nuova avventura in Ligue 1 in conferenza stampa, dove è apparso più sereno rispetto alle lacrime mostrate al Camp Nou e ha parlato dei prossimi obiettivi, su tutti quello di tornare in forma dopo gli impegni in Copa America. «Arrivo dalle vacanze, ma non ho smesso di allenarmi, parlerò con lo staff tecnico, dovrò fare un pò di preparazione all’inizio. Quando sarò pronto», ha proseguito la “Pulce”, «potrò scendere in campo e spero di farlo il prima possibile, ma non so quando». Il campione ha quindi commentato il suo stato d’animo dopo essere approdato all’ombra della Torre Eiffel. «Sono molto felice ora, tutti sanno che l’addio al Barcellona è stato difficile da gestire. Il fatto di arrivare qui mi ha dato tantissima felicità», ha aggiunto l’argentino spiegano i retroscena della trattativa con i francesi, chiusa «rapidamente».


Messi ha poi infiammato la sala stampa e l’animo dei tifosi, annunciando che si è trasferito in Francia per chiudere la carriera sul tappeto rosso. «Voglio vincere e continuare a competere a livelli alti: non ho avuto dubbi sul Psg perché questo club vuole crescere». E sul possibile intralcio verso la gloria che il suo ormai ex club potrebbe presentargli, il giocatore rimane cauto: «Non so se giocheremo contro il Barcellona, potrebbe essere bello tornare al Camp Nou, magari in uno stadio pieno, ma sarà anche strano entrarci con una maglia diversa, vedremo».


Fair-p(l)ay finanziario

L’arrivo di Messi ha generato entusiasmi, ma anche perplessità legate al futuro di alcuni giocatori della rosa del Psg, come Mbappé. Non solo: il nodo sul rispetto delle regole Uefa sul fair-play finanziario rimane, dopo la faraonica campagna acquisti portata avanti dal club gestito dagli emiri fatta praticamente dai soli 45 milioni spesi per prendere Hakimi dall’Inter. Sia per Messi che per Ramos, Donnarumma e Wijnaldum il club parigino ha sfruttato i mancati rinnovi con le rispettive società. «Abbiamo seguito tutte le regole del Fair play finanziario», risponde il presidente del club Al-Khelaifi durante l’incontro con i media.

«Seguiamo sempre le regole, ne abbiamo parlato con i nostri responsabili e ci hanno detto che si poteva fare. In caso contrario, non l’avremmo fatto. Prima di fare qualsiasi tipo di passo», ha proseguito, «abbiamo parlato con tutti i soci, con la Ligue 1, con i nostri partner e questo ha reso possibile l’ingaggio di Leo. Abbiamo pensato a tutto prima e stiamo controllando tutte le cifre e gli aspetti economici, ma tutto è stato fatto in maniera chiara e precisa», chiude Al-Khelaifi. Che sulle voci di mercato intorno a Mbappé rassicura: «Tutti conoscono il suo futuro: resterà a Parigi».

La qualità della rosa parigina per questa stagione è stata rimarcata anche dallo stesso Messi, che proprio durante la conferenza stampa ha elogiato in pubblico il suo nuovo compagno di squadra, l’azzurro Marco Verratti. «Sta dimostrando di essere uno dei migliori al mondo», ha detto l’ex Barça, «Per molti anni a Barcellona hanno provato ad acquistarlo. Ora le cose si sono capovolte e sono io che sono venuto a giocare con lui. È un fenomeno e un ragazzo spettacolare. Tutto lo spogliatoio comprende i migliori del mondo, ognuno nel loro ruolo. È una rosa splendida, spero di dare il mio contributo», ha quindi concluso Messi.

Video: Twitter/@PSG_inside

Leggi anche: