Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Massimo Cacciari: «Abbiamo il diritto di avere risposte sui vaccini, la democrazia è malata»

Il filosofo torna all’attacco: «Molti medici sconsigliano l’immunizzazione ma non osano firmare certificati. Possiamo imporla a tutti?»

Il professor Massimo Cacciari torna oggi su La Stampa all’attacco dei vaccini e del Green Pass obbligatorio mentre il governo Draghi si prepara a varare l’obbligo vaccinale. Secondo Cacciari la gestione della pandemia ha aggravato la crisi di un sistema in cui il Parlamento è sempre meno centrale. Per questo prima di vaccinare bisogna riflettere sul mancato rispetto delle libertà individuali del cittadino: «Vorrei sentire dai giuristi: è o non è in contraddizione col regolamento UE 2021/953, che vietava ogni discriminazione, l’istituzione del Green Pass, nei termini in cui diventerà legge in Italia? E ai nostri illustri costituzionalisti vorrei chiedere: non sembra loro che la possibilità di obbligare a trattamenti sanitari dipenda dal pieno “rispetto della persona umana”? Non pensano che conditio sine qua non perché di rispetto per qualcuno si possa parlare è che costui venga correttamente informato? Risulta loro di essere stati precisamente informati su andamento dell’epidemia, vaccino, vaccini, loro possibili conseguenze, ecc.? E da chi avrebbero potuto? Dai bugiardini dei Big Pharma in continua evoluzione? Navigando in rete tra diecimila notizie in contrasto? È un peccato discuterne, è anti-scientifico, è iscriversi a CasaPound?».


Riguardo la vaccinazione, sostiene Cacciari, «molti medici di base e curanti la sconsigliano ai loro pazienti, ma non osano firmare alcun certificato. In questa situazione non sarebbe prudente attendere prima di imporre la vaccinazione a milioni di adolescenti e bambini, che presentano un caso grave ogni qualche milione di contagiati? Come la mettiamo col diritto? Qui c’è un soggetto, che di per sé non rischia nulla o quasi, cui viene imposto un trattamento di cui si ignorano le potenziali conseguenze, a favore pressoché esclusivo di altri. In Germania sono no-vax perché hanno creduto di non procedere in questa direzione?». Per Cacciari è necessario che durante la conversione in legge del decreto «vengano indicati con chiarezza i criteri in base ai quali verrà posto fine allo “stato di emergenza”. La decisione non può essere assunta ad libitum in base all’ennesimo Dpcm. Da decenni il Parlamento perde progressivamente di centralità e autorevolezza. È un’occasione per tentare di invertire la deriva, non perdiamola».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: