Beccato a Fiumicino il tabaccaio di Napoli: scappava alle Canarie. Giallo sul Gratta e vinci da 500 mila euro

Il tabaccaio per ora è stato solo denunciato, ma non ci sono misure restrittive a suo carico. In teoria potrebbe ancora lasciare l’Italia

Voleva imbarcarsi all’aeroporto di Fiumicino a Roma il tabaccaio di 57 anni che da ieri è ricercato per furto, dopo essere scappato con un Gratta e vinci da 500 mila euro che sarebbe stato vinto da una cliente di 69 anni. L’uomo è stato bloccato ieri 4 settembre in tarda serata all’aeroporto dalla Polizia di frontiera dopo l’alert fatto partire da Carabinieri che lo cercavano su tutto il territorio europeo. Il tabaccaio aveva con sé un biglietto per Fuerteventura alle Canarie, ma non il tagliando del Gratta e vinci. Per il momento è stato denunciato per furto in stato di libertà. Non essendoci misure restrittive a suo carico, l’uomo potrebbe comunque andare dove vuole, anche all’estero. Il Mattino di Napoli nell’edizione di oggi aveva riportato alcune frasi del figlio che, lontano dai microfoni, si sfogava difendendo il padre scomparso all’improvviso: «Lasciateci stare. Chi dice che quel biglietto glielo abbiamo venduto noi? E chi dice che la vincita era realmente quella?». Il figlio del tabaccaio che si è dato alla fuga da ieri 4 settembre col Gratta e vinci da mezzo milione di euro non ha voluto rispondere alle domande sul colpo di testa del padre. «No comment», continua a dire al giornalista de Il Mattino.


Intanto però il padre, proprietario di una tabaccheria di via Materdei a Napoli, dopo aver passato a lettura ottica il fortunato biglietto acquistato da un’anziana del quartiere, ha lasciato tutto ed è scappato. «E adesso? Ditemi che riavrò quei soldi», dice l’anziana 69enne la cui identità è stata tenuta nascosta dagli inquirenti che indagano sulla vicenda. A parlare è una sua amica che racconta di come la donna sia disperata. «Ma lo hanno preso?», dice, riferendosi all’uomo scappato con la vincita. «Quando restituirà quel che è mio? Perché mi ha fatto questo?». Il suo timore più grande è che, ora, con le indagini e l’intero iter burocratico, si perda di vista la somma di denaro.


Le testimonianze

L’anziana signora ha tentato la fortuna per un lungo periodo, ogni settimana, senza mai investire grosse somme. Addirittura il giorno della vincita, prima di acquistare il Gratta e vinci aveva voluto sfidare la Dea bendata giocando alcuni numeri al Lotto, senza particolare successo. Le voci raccolte dal quotidiano di Napoli parlano di alcuni dubbi tra i residenti. Si vocifera, infatti, che il biglietto era in suo possesso, ma lo avrebbe acquistato in un altro negozio, forse in un altro quartiere. Un particolare che non cambierebbe di molto il quadro della situazione. Intanto l’Agenzia dei Monopoli da cui dipendono le Lotterie Nazionali ha congelato la vincita e sospeso la validità dell’intero lotto di cui faceva parte il biglietto fortunato.

Leggi anche: