Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La bufala No Vax della piccola “Giorgia Furlan” uccisa dal vaccino anti Covid (è viva e si chiama Evelyn)

I No Vax, intenzionati a diffondere paura per le vaccinazioni pediatriche contro la Covid, si sono inventati una bufala sfruttando la foto di una piccola attrice

Circola un meme nel quale viene attribuita la morte di una bambina a seguito della vaccinazione anti Covid: «La piccola Giorgia Furlan uccisa dal siero sperimentale», si legge nel testo dell’immagine. Secondo il racconto, dove si sostiene che il fatto sia accaduto a Sesto al Reghena (Pordenone). si tratterebbe della «prima bimba vittima da vaccino» e che «ovviamente i media tacciono». Come mai? Perché si tratta di una bufala utile al terrorismo No Vax.

Per chi ha fretta

  • Non risulta alcuna Giorgia Furlan iscritta nell’anagrafe cittadina di Sesto al Reghena
  • La bambina nella foto è un’attrice cinematografica che nel 2020 aveva 5 anni.
  • Attualmente non sono possibili le vaccinazioni anti Covid per i bambini dai 5 ai 12 anni (si valuta l’avvio per il 23 dicembre 2021).

Analisi

Riportiamo di seguito il meme:

La piccola Giorgia Furlan uccisa dal siero sperimentale

È ufficiale: è di Sesto al Reghena, in provincia di Pordenone, la prima bimba vittima di vaccino. Questo GOVERNO ASSASSINO deve pagare!

… e ovviamente i media TACCIONO

giù le mani dai bambini!!!

Vista la foto, la bambina risulterebbe troppo giovane per ricevere il vaccino anti Covid – definito erroneamente siero sperimentale nel meme – in quanto la somministrazione dai 5 ai 12 anni non è stata ancora avviata in Italia. Per quest’ultima si valuta l’avvio intorno al 23 dicembre 2021.

La smentita del Comune di Sesto al Reghena

Intervistato da Il Gazzettino, il sindaco Marcello Del Zotto denuncia la bufala diffusa sui social e informa che il nome della minore non risulta registrata nell’anagrafe cittadina.

Riportiamo di seguito il comunicato pubblicato dalla pagina Facebook dell’amministrazione comunale:

Comunicato stampa ufficiale del Sindaco di Sesto al Reghena, Marcello Del Zotto.

“Ho appreso oggi che sui social media sta circolando una notizia ormai “virale” ma priva di qualsiasi fondamento, relativa ad una bambina – residente nel nostro Comune – che sarebbe deceduta a seguito di inoculazione del vaccino contro il COVID-19.

Questa ignobile “fake news” cita nome, cognome e addirittura la fotografia, di una minore, non iscritta all’Anagrafe della popolazione residente e non conosciuta a questi Uffici.

L’Amministrazione comunale che rappresento si dissocia con forza da questa falsa notizia – particolarmente sgradevole, perché riguarda un bambino associato ad uno dei temi più delicati del difficile periodo che tutti stiamo vivendo – e si riserva ogni azione nei confronti degli autori e di chiunque dovesse danneggiare l’immagine del nostro Comune.

Come Sindaco e prima ancora come cittadino, sono vicino a tutte le persone colpite dalla pandemia e sostengo gli sforzi quotidiani del personale sanitario e di tutti coloro che lottano contro questo nemico comune, reale e pericoloso che può essere vinto solamente dalla scienza e non dalle fake news”.

La bambina è un’attrice

La bambina ritratta nel meme si chiama Evelyn Cretier ed è una giovanissima attrice cinematografica, protagonista del film «La bambina che non sapeva odiare». Ecco la stessa foto usata nel meme, pubblicata dall’articolo dell’undici luglio 2020 del Quotidiano Canavese, quando aveva 5 anni (qui un articolo del 28 agosto 2021):

Conclusioni

Non si conosce l’origine del meme (al momento), ma quel che è certo è che il suo contenuto risulta completamente falso in quanto non esiste alcuna bambina di nome Giorgia Furlan registrata nell’anagrafe di Sesto al Reghena e la foto della piccola è quella di una giovanissima attrice. Vista l’età, la bambina non può essere ancora vaccinata contro la Covid.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: