Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia
MONDO ArmiFotoNataleUSA

Usa, foto di famiglia col mitra. Gli auguri di Natale di un deputato repubblicano

Il post di Thomas Massie, rappresentante del Kentucky alla Camera Usa, ha raccolto una valanga di critiche. Specie dai genitori delle vittime delle sparatorie scolastiche

A Natale è tradizione negli Stati Uniti farsi una foto di famiglia, da mandare a parenti e amici insieme ai bigliettini di auguri. E ogni anno trovare uno scatto originale, diverso dal precedente, è una vera sfida. Questa volta, Thomas Massie, un deputato repubblicano che rappresenta il Kentucky alla Camera Usa, ha decisamente trovato il modo di farsi notare: ha pubblicato su Twitter la sua foto di Natale, che ritrae i sette componenti della famiglia Massie, sorridenti intorno all’albero. Tutti con in braccio un’arma. Compreso il deputato, che tiene in mano quella che sembra essere una mitragliatrice. La tradizionale frase di auguri è a tono: «Buon Natale! Babbo Natale, per favore portaci le munizioni». Sono passati solo pochi giorni dalla strage in una scuola del Michigan che è costata la vita a quattro studenti, colpiti da un loro compagno che aveva ricevuto quell’arma come regalo di Natale da parte dei suoi genitori. E tra le reazioni al post del deputato Massie, che ha esaltato i suoi sostenitori, spiccano soprattutto quelle dei familiari delle vittime delle aggressioni armate a scuola.


Ad esempio, Fred Guttenberg, la cui figlia di 14 anni è stata una delle 17 vittime di una sparatoria del 2018 in Florida, ha scritto su Twitter: «Dato che stiamo condividendo foto di famiglia, ecco le mie. Una è l’ultimo scatto fatto a Jamie, l’altra è il luogo in cui è ora sepolta a causa della sparatoria a scuola». A condannare il post di Massie anche molti repubblicani. Tra questi, Anthony Scaramucci, ex direttore delle comunicazioni di Donald Trump, che ha risposto dicendo che finanzierà tutti i potenziali candidati in corsa contro Massie alle elezioni del Congresso del prossimo anno.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: