Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

A casa del guru No-vax si entra solo da vaccinati (o testati): la strana storia della festa di Kennedy Jr

In un invito a una festa in casa in California la scorsa settimana Kennedy Jr ha esortato i partecipanti a vaccinarsi o a testarsi. Lui ha detto che la decisione è stata della moglie

Robert F. Kennedy è uno degli idoli mondiali dei No vax. Ma se c’è una festa a casa sua si entra soltanto se si è vaccinati o testati. Il curioso paradosso è stato rivelato un paio di giorni fa da Politico e nel frattempo sta facendo il giro della stampa europea: in un invito a una festa in casa in California la scorsa settimana Kennedy Jr ha esortato i partecipanti a vaccinarsi o a testare la positività al Coronavirus in anticipo. Lui ha detto che la decisione è stata della moglie, l’attrice Cheryl Hines, e che non sapeva quale fosse il testo dell’invito. «Forse non sono più il padrone in casa mia», ha commentato, aggiungendo che il giorno della festa nessuno ha controllato l’immunizzazione o i tamponi degli ospiti. Di recente Robert F. Kennedy è sbarcato anche a Milano per partecipare a un evento organizzato dal Barone Nero Jonghi Lavarini. Durante il comizio ha sostenuto che il Green pass sia un colpo di stato e che i vaccini uccidono. Ma ha precisato anche di non voler essere definito No vax. Per le sue posizioni sui vaccini è stato criticato anche dalla sorella Kerry. Di recente l’Associated Press ha raccontato che la sua Children’s Health Defence ha raccolto 6,8 milioni di donazioni, raddoppiando la quota rispetto all’anno precedente.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: