Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Harry Potter 20 anni dopo: il cast si riunisce ma la grande assente è J.K. Rowling – Il video

Gli attori della saga cinematografica sono tornati nella sala grande del castello di Hogwarts, in un misto di magia e nostalgia

Gli spettatori si sono emozionati, ma gli attori ancora di più. Con la reunion Harry Potter: return to Hogwarts si sono fatte davvero le cose in grande per celebrare i vent’anni dall’uscita del primo film della saga cinematografica, che continua a vantare migliaia di fan in tutto il mondo. Nello speciale, organizzato da Hbo Max e disponibile in Italia su Sky e Now, il cast originale si è ritrovato immerso nell’atmosfera magica e nostalgica dei set più amati della saga: dalla sala grande del castello di Hogwarts, alla sgangherata casa della famiglia di Ron. Il semi-documentario ha rivissuto gli anni delle riprese ed è maturato insieme agli attori, mostrando l’evoluzione dei personaggi e della saga. Gli attori sono stati tutti invitati a partecipare all’incontro con l’iconica letterina di ammissione a Hogwarts, facendo percepire subito agli spettatori quel sottile confine tra realtà e magia che è il cuore della reunion. Non potevano mancare gli interpreti del golden trio: Daniel Radcliffe (Harry Potter), Rupert Grint (Ron) e Emma Watson (Hermione). E tra loro forse è proprio quest’ultima ad essere stata la più emozionata, nonostante anche gli altri non hanno potuto fare a meno di versare una lacrimuccia.


Le curiosità della saga

Tra una chiacchiera e l’altra, sono saltati subito fuori le curiosità e i retroscena più strampalati del set: quella volta che Daniel Radcliffe lasciò una lettera d’amore all’attrice Helena Bonham Carter, «Cara HBC, è stato bello essere tuo co-protagonista e portare il tuo caffè. Ti amo. Vorrei solo essere nato 10 anni prima così avrei potuto avere una possibilità»; quella volta in cui Emma Watson quasi decise di abbandonare il ruolo di Hermione a causa dell’insostenibile pressione derivata dall’esposizione mediatica; quella volta in cui il registra Alfonso Cuarón chiese ai protagonisti di descrivere i loro personaggi e i tre si comportarono esattamente come da copione: Emma consegnò dodici pagine ordinate, Daniel una serie appunti e pensieri disordinati, Rupert non consegnò affatto perché «Ron avrebbe fatto così».


J.K. Rowling grande assente

Non si può fare a meno di notare la mancanza dell’autrice e creatrice dell’universo magico di Harry Potter: JK Rowling. Della scrittrice sono state mostrate solo immagini di repertorio e stralci di un’intervista rilasciata nel 2019. Il motivo della sua assenza è forse legato all’ennesima bufera mediatica in cui lè finita, dopo alcuni commenti denigratori sulle persone transgender, da cui molti attori, tra cui i tre protagonisti, si sono più volte dissociati. In realtà secondo una dichiarazione del team di Rowling a Entertainment Weekly, pare sia stata la scrittrice a non accettare l’invito, dal momento che l’intervista di repertorio a disposizione già includeva commenti sufficienti da integrare nello speciale tv.

Leggi anche: