Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Bonus psicologo, la Regione Lazio istituisce fondo da 2,5 milioni di euro per la salute mentale dei giovani

Presto sportelli di aiuto saranno aperti in tutta la regione, a sostegno dei giovani e delle fasce deboli

Il Lazio istituirà per i giovani un fondo dedicato alla salute mentale e alla prevenzione dei disagi psichici. Il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha dato la notizia sui social: «Destiniamo 2,5 milioni di euro per garantire l’accesso alle cure per la salute mentale, attraverso voucher da utilizzare presso le strutture pubbliche della regione». Una rete che coinvolgerà psicologi e psichiatri del territorio, a protezione dei giovani e delle fasce più deboli della popolazione. «Vogliamo rispondere a una situazione di grande criticità – ha aggiunto Zingaretti -. Con la pandemia i disturbi psicologici sono aumentati». La risposta della regione è arrivata dopo il no della Camera al «bonus psicologo», a cui hanno fatto seguito diverse sollecitazioni del mondo scientifico, oltre che a una petizione popolare che in pochi giorni ha raccolto migliaia di firme, «segnalando un problema reale e da affrontare». Zingaretti ha citato nel post uno studio dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, che rilevato come i tentativi di suicidio e le pratiche di autolesionismo siano aumentati del 30% nel corso della seconda ondata. E le ospedalizzazioni conseguenti a questi casi sono passate dal 17% nel 2020 al 45% nel 2021.


«Sono esplosi i disturbi del comportamento alimentare: solo per l’anoressia un +28% di richieste d’aiuto – ha detto Zingaretti -. Sono dati molto allarmanti che ci dicono una sola cosa: dobbiamo intervenire». Il presidente della regione ha inoltre ricordato che non basta creare nuove opportunità di formazione e lavoro se le persone a cui queste politiche sono destinate versano in una condizione di malessere psicologico. Fornire a chi ne ha bisogno un aiuto concreto in questo senso «è uno degli investimenti necessari per il futuro delle nuove generazioni», ha concluso Zingaretti. Ma il Lazio non è l’unica regione ad essersi mobilitata. Anche la Campania, qualche settimana fa, si era mossa in questa direzione, istituendo la figura dello psicologo base, simile a un «medico di famiglia» dedicato interamente alla salute mentale.


Leggi anche: