Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Renzi: «Berlusconi? Non lo sento da 7 anni ma non ha i numeri per il Quirinale. Ok a un governo dei leader»

Il leader di Italia Viva chiede al centrodestra un nome diverso da quello del Cavaliere per il Colle

È chiaro che Berlusconi non ha i numeri per andare al Quirinale. E allora meglio un patto con il centrodestra su un altro nome. E un governo con i leader di partito dentro. Parola di Matteo Renzi, che in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera. Il leader di Italia viva punta il dito sullo scouting del Cavaliere attraverso Sgarbi: «Questi show telefonici squalificano la politica sia quando lo fa Conte sia quando lo fa Berlusconi. Torniamo alla sana politica e troviamo un nome di prestigio per l’Italia, in patria e all’estero». Renzi dice che non sente Berlusconi «da sette anni, da quando lui ha rotto con me perché abbiamo scelto Mattarella. Sette anni dopo non mi aspetto un “grazie” per tale scelta ma la rifarei. Berlusconi non mi ha chiamato; se mi cerca glielo dico a viso aperto e in faccia, come ho sempre fatto. E come feci quando a Palazzo Chigi tentai di convincerlo a sostenere Mattarella. Io non sono uno degli yesman che ha intorno: gli dico ciò che penso. E chi gli vuole bene deve dirgli la verità, non mandarlo a sbattere».


Il leader Iv traccia l’identikit del suo candidato ideale: «La Costituzione stabilisce l’identikit del presidente della Repubblica. E non c’è scritto da nessuna parte che il capo dello Stato non debba venire dal mondo della destra. Se non è mai accaduto, è perché la destra non ha mai vinto le elezioni nell’anno del Quirinale: casualità, non precetto costituzionale. Il punto non è la provenienza ma la capacità di rappresentare l’unità della nazione. Che venga da destra o da sinistra, dal nord o dal sud, ateo o credente, politico o espressione del mondo accademico e della società civile, poco importa: l’importante è che sia all’altezza della sfida. E che sia credibile per gli italiani e nel mondo. Quanto al Pd e ai Cinque Stelle, non so dirle. Mi pare che Enrico Letta abbia proposto al centrodestra un accordo complessivo da qui al 2023 in modo serio e ragionevole. Mi sembra saggio».


Infine, l’ok al governo dei leader proposto dalla Lega: «Non è probabile ma ha un senso. Crisi energetica, Pnrr da attuare, riforme da calendarizzare: può avere un senso coinvolgere le prime linee dei partiti. Ho l’impressione però che Salvini debba decidersi. Talvolta sembra voler uscire di maggioranza, lasciando spazio al cosiddetto governo Ursula. Talvolta sembra volersi immolare su Berlusconi, facendosi del male e facendolo anche al Cavaliere e al centrodestra».

Leggi anche: