Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Adesso anche Renzi punta Mattarella: «Non escludo un suo bis». Letta: «Chiederemo due voti al giorno»

Il leader Iv: «Oggi accordo difficile». Il segretario Pd furioso con il centrodestra

«Non escludo l’ipotesi che possa esservi anche un Mattarella bis, sarebbe una forzatura nei confronti di Mattarella e oltremodo scorretto ma al venerdì mattina o la vicenda si risolve nelle prossime ore o questa ipotesi è in campo con tutta la sua forza»: così ha comnciato oggi la sua consueta diretta su Radio Leopolda Matteo Renzi. Il leader di Italia viva dice che non è detto che si riesca a chiudere oggi l’accordo: «Vediamo se oggi si chiude la partita per il Quirinale, ma ho l’impressione che non sarà così facile». Secondo Renzi l’atteggiamento del centrodestra è «irresponsabile e scandaloso: abbiamo assistito a una tarantella. Ieri abbiamo avuto la clamorosa e inqualificabile caccia al candidato, mi sembra folle». Intanto Enrico Letta oggi è andato all’attacco del centrodestra: «Abbiamo sempre lavorato per l’unità, l’impressione è che abbiano tentato di dividerci con idee fantasiose, invece di trovare un nome per l’unità del Paese», ha detto il segretario del Partito Democratico arrivando al Palazzo dei gruppi. Letta ha detto che chiederà di votare per due volte a partire da oggi. Ma non ha sciolto la riserva sul nome da votare oggi: «Decideremo nella riunione». Il vertice con Conte e Speranza è cominciato poco prima delle 9.


Leggi anche: