Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

È morto Tito Stagno. Addio al cronista che raccontò lo sbarco sulla luna – Il video

La sua voce immortalò nel 1969 lo sbarco sulla luna con la famosa frase: «Ha toccato! Ha toccato il suolo lunare!»

È morto oggi a Roma Tito Stagno, giornalista e telecronista che ha condotto il telegiornale della Rai negli anni Sessanta e Settanta. La sua voce immortalò nel 1969 lo sbarco sulla luna con la famosa frase: «Ha toccato! Ha toccato il suolo lunare!» nel momento dell’allunaggio degli astronauti Neil Armstrong e Buzz Aldrin. Stagno era nato a Cagliari nel 1930. Nel 1954, dopo aver vinto il concorso nazionale per telecronisti, venne assunto in Rai nel primo telegiornale diretto da Vittorio Veltroni, il padre di Walter. Raccontò anche il primo volo di Jurij Gagarin sopra la terra nel 1961. Ma il suo nome rimane indissolubilmente legato all’allunaggio del 20 luglio 1969. Nell’occasione era accompagnato nel commento da Ruggero Orlando da Houston. E i due ebbero un battibecco sul momento esatto in cui Armstrong toccò il suolo lunare. Alcune analisi successive hanno certificato che l’annuncio di Stagno arrivò quando il modulo lunare era ancora a trenta metri d’altezza, con 56 secondi di anticipo rispetto al momento esatto in cui avvenne. Il successivo annuncio di Orlando arrivò invece con 10 secondi di ritardo rispetto all’effettivo momento dell’allunaggio.


Mezzobusto tv negli anni ’60 e ’70, Stagno si era appassionato alla vicenda dello Sputnik, lanciato nel 1957: «Me ne occupai io e da allora quel settore in ascesa divenne un po’ il mio», raccontava. Il battibecco con Orlando non rovinò l’amicizia: «Eravamo molto molto amici: comunque, anche per motivi tecnici, io diedi la notizia 20 secondi prima di lui». Stagno è stato anche inviato speciale al seguito delle grandi personalità del Novecento e responsabile della Domenica Sportiva, dal 1976 al 1995. Si è raccontato nell’autobiografia Mister Moonlight – Confessioni di un telecronista lunatico, scritta con Sergio Benoni, edita da Minimum Fax.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: