Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia
MONDO CensuraRussiaTvUcraina

Il conduttore di «Ciao» Ivan Urgant è sparito dalla tv russa: al suo posto uno show di cucina e concerti

Il celebre conduttore del programma che prendeva in giro la tv italiana del passato non è più andato in onda dopo aver preso posizione contro la guerra in Ucraina. E il suo ritorno non sembra imminente, come aveva annunciato Pervyj Kanal

Ivan Urgant non è più tornato in onda su Pervyj Kanal, il primo canale russo, dal 24 febbraio, giorno dell’invasione dell’Ucraina da parte dell’esercito del Cremlino. E probabilmente il conduttore non tornerà più in onda, dopo che su Instagram aveva espresso la sua posizione contro il conflitto in Ucraina e l’inasprimento delle leggi in Russia sulla libertà di espressione che vietano anche il solo uso della parola «guerra» per descrivere quella che il Cremlino definisce invece «un’operazione speciale» contro Kiev. Conosciuto in Italia per lo show satirico «Ciao», Urgant andava in onda su Pervyj Kanal con «Evening Urgant», un late show noto anche nella tradizione inglese «Channel One». Il programma era scomparso dal palinsesto di Pervyj Kanal subito dopo il post di Urgant su Instagram, lasciando spazio a una programmazione alternativa fatta di concerti celebrativi, film di guerra e commemorazioni patriottiche.


Nel corso dei giorni successivi, come ben racconta Tvblog, il palinsesto del primo canale russo è andato avanti trasmettendo programmi di cucina, «The Voice junior», e documentari di vario genere. Già lo scorso 25 febbraio, sul profilo Twitter dello show era comparso un tweet che cercava frettolosamente di spegnere le voci, sollevate soprattutto dagli ultimi media indipendenti attivi in Russia, sulla possibile chiusura del programma, in onda dal 2012. In quel tweet si avvertivano i telespettatori che chiedevano spiegazioni sulla mancata messa in onda dello show «che ci siamo presi una pausa di alcuni giorni. I redattori del programma stanno lavorando come al solito alle versione future. A presto in onda!». Alcuni giorni però sono diventati ormai due settimane.


Leggi anche: