Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Petraeus: «L’Ucraina può respingere la Russia e resistere per mesi ma a Kiev servono armi dall’Occidente»

Il generale che ha guidato gli Usa in Afghanistan e Iraq: si rischia uno stallo lungo e sanguinoso

Il generale David Petraeus ha guidato le forze armate degli Stati Uniti in Iraq e Afghanistan ed è stato direttore della Cia dal 2011 al 2012. In un’intervista rilasciata oggi al Corriere della Sera dice che la guerra in Ucraina è entrata in una fase imprevedibile: «Ci sono molti scenari possibili, a seconda di quale dei due campi sarà in grado di rifornirsi, riarmarsi, rimpiazzare le perdite e incorporare nuove competenze. Una gamma di scenari che va dallo stallo lungo, sanguinoso, da incubo (con avanzamenti lenti e faticosi dei russi nel Sud Est mentre gli ucraini continuano limitati contrattacchi intorno a Kiev, a Kharkiv a Est, Mykolaiv a Sud-Ovest e altrove) a uno scenario in cui gli uni o gli altri prendano il sopravvento e respingano i nemici. È un po’ più probabile che l’Ucraina sviluppi un vantaggio, date la determinazione, l’intraprendenza, la creatività dimostrate, oltre al fatto che “gioca in casa”. Ma è imprudente escludere la possibilità che la Russia impari dagli innumerevoli errori commessi e, pur con altre terribili perdite di vite e di mezzi, possa logorare col tempo le difese aeree e le risorse ucraine».


Secondo il generale «se ricevono sufficienti risorse critiche dai Paesi Nato, gli ucraini potrebbero essere in grado di lanciare contrattacchi multipli, respingere i russi e limitare i danni provocati da missili, razzi e bombardamenti. Particolarmente importanti per l’Ucraina sono ulteriori sistemi di difesa aerea (specialmente S-300 e Buk) efficaci ad altitudini superiori rispetto ai sistemi “portatili” Stinger; ulteriori droni americani tipo Switchblade (migliaia), anche con capacità di bombe e missili anti-tank più potenti; ulteriori droni turchi (migliaia); munizioni; aiuti umanitari, economici; e aerei in sostituzione; il tutto senza grandi annunci. Queste risorse possono inclinare la bilancia a favore dell’Ucraina e avvantaggiarla al tavolo dei negoziati». Quelli che si apriranno oggi a Istanbul e per i quali c’è già una bozza di accordo in discussione.


Infine, come ha insegnato Stalingrado, nel colloquio con Viviana Mazza Petraeus segnala che c’è un problema di tempo: con le piogge primaverili e lo scioglimento del terreno ghiacciato «la maggior parte dei veicoli a ruote e forse anche cingolati non potranno transitare fuoristrada se vogliono evitare di restare impantanati. Ciò potrebbe impedire ai russi lo sfondamento specialmente intorno a Kiev, prolungando lo stallo sanguinoso in cui si trova l’Ucraina». Per quanto? «Settimane, forse mesi».

Leggi anche: