Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La risposta di Patrick Zaki agli insulti dopo Juventus-Bologna: «Se non posso dire la mia sul calcio come potrò farlo sul resto?»

Lo studente egiziano sommerso dagli insulti dopo un tweet sulla partita

Ieri Patrick Zaki è finito nella bufera per un commento su Juventus-Bologna. Dopo le esplusione comminati ai giocatori rossoblù, lo studente egiziano su Twitter ha accusato la squadra allenata da Massimiliano Allegri di aver corrotto l’arbitro: «Due cartellini rossi, stanno ancora pagando». La frase ha scatenato la reazione di molti utenti su Twitter, che hanno postato foto di buste con proiettili o gli hanno consigliato di tornarsene a casa sua (in effetti Zaki è attualmente in Egitto e non può lasciare il paese). Lo studente egiziano nella serata di ieri ha risposto con un post su Facebook: «Non volevo offendere nessuno con le mie parole e accetto il diritto di ogni persona di esprimere la propria opinione, spero solo che le persone mi lascino esercitare il mio diritto fondamentale di dire la mia opinione su una partita. In un mondo pieno di ogni sorta di censura da parte di vari attori, io scommetto sempre sulla gente per proteggere i diritti di libertà di parola degli altri anche se non sono d’accordo. Se non posso dire la mia opinione sul calcio senza essere attaccato, non sono sicuro di come dovrei recuperare la mia voce in questioni più importanti».


Leggi anche: