Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Kiev al contrattacco? Mosca denuncia un nuovo attacco in territorio russo: «Colpito un checkpoint alla frontiera di Kursk»

A darne notizia il governatore della regione russa al confine con l’Ucraina, Roman Starovoit. Non ci sarebbero feriti o morti

Un nuovo bombardamento in territorio russo vicino al confine con l’Ucraina. Lo denunciano le autorità locali di Mosca, che ha accusato le forze ucraine di aver attaccato un checkpoint al valico di frontiera con la regione russa di Kursk, situata tra Belgorod e Orel, e non distante dall’oblast ucraino di Sumy. I raid di Kiev avrebbero colpito un ufficio federale, che sarebbe andato a fuoco. L’accusa arriva dal canale Telegram del governatore locale Roman Starovoit, citato dalla Tass, l’agenzia di stampa russa. Secondo il funzionario russo non si sarebbero registrati morti o feriti. Nelle scorse settimane, i russi avevano segnalato diversi attacchi ucraini nella zona, soprattutto a Belgorod e a Klimovo.


Immagine di copertina: EPA/Immagine di repertorio


Leggi anche: