Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Questa foto non mostra Olena Zelenska, moglie di Zelensky, durante una manifestazione nazista

Per screditare Zelensky, gli utenti spacciano una neonazista americana per sua moglie

Durante il mese di marzo 2022, e successivamente nel mese di aprile, circola la fotografia di una donna mentre esprime il suo apprezzamento verso il nazismo. Secondo gli utenti, la donna sarebbe Olena Zelenska, moglie del Presidente ucraino Volodymyr Zelensky, durante un evento pubblico non precisato organizzato da dei neonazisti. Si tratta di un falso e di una bufala riciclata.

Per chi ha fretta

  • Viene diffusa la foto di una donna spacciata per la moglie di Zelensky, Olena Zelenska, per accusarla di essere nazista.
  • La stessa foto venne usata per accusare allo stesso modo la moglie dell’ex Presidente ucraino Viktor Yushchenko, Kateryna.
  • La foto risale al 2006, la donna ritratta è un’americana appartenente a un gruppo neonazista americano. Lo scatto riguarda una manifestazione contro l’immigrazione negli Stati Uniti.

Analisi

Ecco uno dei post di marzo 2022: «OLENA ZELENSKA moglie del presidente ucraino saluta…….» scrive l’utente Amelia.

Ecco un altro esempio, un post pubblicato ad aprile dall’utente Carola:

Adesso Italia sporta nazisti , Olena Zelenska moglie di Vlodymyr Zelinski al Forte dei Marmi ci sta sua moglie ,nella villa da 4 milioni di Euro . Mentre lui nel pomeriggio a Roma con la Merkel in un incontro Privatamente . I patrioti nazisti .

Il 25 aprile, l’utente Verobizz12 pubblica un tweet dove ripropone la bufala, con maggior successo in fatto di condivisioni.

Lo screenshot usato dall’utente Twitter proviene dal post Facebook del 21 aprile dell’utente Mario: «Al centro la moglie di zelensky’…saluto pacifista!!!» commenta la foto.

Lo stesso giorno, poche ore prima, la foto venne condivisa dall’utente Luigi con il seguente post:

La biondina al centro della foto che assomiglia vagamente alla rana urlatrice romana, non fosse altro per l’apertura della bocca ma dell’altro naturalmente c’è, è proprio la democratica moglie del democratico Zelensky !!! Noi stiamo armando questa gente. Facendo sacrifici per questi nazisti. Ma lo volete capire o no che stanno prendendo per il culo intere nazioni europee per compiacere solo gli USA?

Foto americana del 2006

La foto è uno scatto di Zuma Press che troviamo su Alamy. La descrizione è la seguente:

Apr 22, 2006; Lansing, MI, USA; The National Socialist Movement, a Neo-Nazi group, rallies in Lansing. Michigan, protesting against illegal immigrants which have allegedly contributed to dramatic job losses in the state. Security was very high with the Nazi group being bussed in from a remote location under heavy police escort. Some anti-racism protesters threatened to kill the N

Si tratta di una manifestazione organizzata a Lansing (Michigan) dal National Socialist Movement, un gruppo di suprematisti bianchi, contro l’immigrazione negli Stati Uniti. La donna nella foto è diversa da Olena:

Usata in passato contro la moglie di Juščenko

La stessa foto, sempre in bianco e nero, venne usata nel 2010 contro la moglie di Viktor Yushchenko, Kateryna, first lady ucraina dal 2005 al 2010. Ricordiamo che la foto risale al 2006.

Kateryna Yushchenko, il 20 aprile 2006, si trovava a Kiev e risulta diversa dalla donna americana nella foto diffusa sui social (qui altre foto da GettyImages).

Ulteriore prova contro queste fake è il tatuaggio della donna americana, non presente nei corpi di entrambe le mogli dei Presidenti ucraini.

Conclusioni

La foto non ritrae la moglie di Zelensky, così come non ritrae la moglie dell’ex Presidente ucraino Juščenko. La donna nella foto è americana che partecipava attivamente durante una manifestazione contro l’immigrazione organizzata dal movimento nazista americano National Socialist Movement.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Leggi anche: