Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Caro prezzi, in Europa almeno 50 milioni di persone non possono permettersi le bollette

In Italia, secondo una ricerca pubblicata dal Sole 24 ore, ci sono 5 milioni di famiglie in difficoltà per l’aumento dei prezzi dell’energia

Sono tra i 50 e i 125 milioni le persone che in Europa vivono in una condizione di povertà energetica. È questa la stima allarmante presentato oggi, 25 aprile, nella conferenza sulla lotta alla povertà energetica, al centro della transizione ecologica ed energetica, organizzata dal Comitato economico e sociale europeo (Cese). Secondo le valutazioni fatte, le difficoltà economiche legate all’accesso all’elettricità sono iniziate già prima dei rincari di gas, elettricità e bollette registrati negli ultimi mesi di crisi con la Russia. I numeri di chi vive in povertà sono aumentati durante l’emergenza Covid: nel 2019, erano 30 milioni gli europei che affermavano di non potersi permettere di riscaldare adeguatamente la propria casa. Il 6,2% di loro, non era stato in grado di pagare le bollette. In tutto, nel mondo, si parla a oggi di 700 milioni di persone in povertà energetica, circa il 10% della popolazione globale.


La situazione in Italia

Secondo le stime della direzione Studi e Ricerca di Intesa San Paolo, pubblicate da Il Sole 24 Ore, solo in Italia ci sarebbero 5 milioni di famiglie che stanno subendo particolarmente il costo dei rincari sulle bollette. Secondo il report, nel 2022 il saldo tra redditi e consumi di oltre un quinto dei nuclei familiari rischia di essere in negativo. La difficoltà è legata ai rincari di gas, elettricità e carburante, e si unisce all’aumento dei prezzi alimentari. Il rischio concreto di andare in rosso (per i redditi più bassi si stima un «eccesso di spesa» del 9,3% del reddito complessivo), spingerà molti di loro a risparmiare sui consumi


Immagine di copertina: EPA/ANDY RAIN

Leggi anche: