Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il video falso della cocaina nel tavolo di Zelensky durante la videoconferenza con Elon Musk

Il video originale è online da inizio marzo, le differenze con quello falso sono evidenti

Circola un video del Presidente ucraino Zelensky durante una videoconferenza con Elon Musk, modificato ad arte al fine di accusarlo di essere dipendente dalla cocaina. Infatti, nella clip è stata aggiunta della polvere bianca e una carta di credito in un’area priva di fogli o documenti, come risulta invece nel resto della scrivania. Ribadiamolo: è un video alterato, modificato ad arte. Si tratta di una continuazione delle accuse a lui rivolte dopo quella del riflesso sul tavolo scambiato per della droga (ne parliamo qui).

Per chi ha fretta

  • Il video viene condiviso allo scopo di far passare il Presidente ucraino per tossicodipendente.
  • Il video originale è pubblico, dal 6 marzo 2022, nell’account Instagram di Zelensky.
  • Nel video sono stati aggiunti di proposito quella che sembrerebbe cocaina.
  • La qualità tra il video falso e quello vero è molto diversa, decisamente migliore in quello pubblicato da Zelensky e scarso in quello diffuso dagli utenti nel tentativo di screditarlo.

Analisi

Ecco un esempio del video che circola online, in questo caso via Facebook:

L’originale è su Instagram

Il video originale è stato pubblicato dall’account Instagram di Zelensky il 6 marzo 2022, più di un mese prima della diffusione del video alterato. Nel tavolo non è presente la cocaina, tantomeno la carta di credito.

Le differenze tra il fake e l’originale

Il video modificato ha una qualità pessima, segno che non si tratta dell’originale. Confrontando i dettagli, è possibile notare la differenza di qualità tra l’originale e il falso.

Non c’è solo la qualità, la luminosità dei video è decisamente diversa e più scura nel video modificato.

Conclusioni

Il video di Zelensky con la cocaina nel tavolo è un falso, modificato ad arte aggiungendo della polvere bianca e una carta di credito per renderlo credibile.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Leggi anche: