Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Biden incontra i leader di Svezia e Finlandia: «L’allargamento della Nato non è una minaccia»

Il presidente degli Stati Uniti ha parlato in una conferenza stampa alla Casa Bianca con la prima ministra svedese Magdalena Andersson e il presidente finlandese Sauli Niinistö

«Svezia e Finlandia rendono più forte la Nato». A dirlo è il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che ha tenuto una conferenza stampa alla Casa Bianca con la prima ministra svedese Magdalena Andersson e il presidente finlandese Sauli Niinistö. «Una Nato forte e unita è il fondamento della sicurezza americana. I nuovi membri che entrano a far parte della Nato non rappresentano una minaccia per nessuna nazione. Non lo hanno mai fatto. Lo scopo della Nato è difendersi dall’aggressione», ha ribadito il presidente. «Sono orgoglioso di accogliere e offrire il forte sostegno degli Stati Uniti per le richieste di due grandi democrazie e di due partner stretti e altamente capaci, per unirsi all’alleanza difensiva più forte e potente nella storia del mondo – ha continuato – Due orgogliosi paesi indipendenti che esercitano il loro diritto sovrano che tutti gli stati possiedono per decidere la propria sicurezza».


Biden ha poi ribadito il «pieno, totale sostegno» degli Stati Uniti alla Svezia e alla Finlandia, affermando che i colloqui con i due Paesi sono iniziati prima dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia: «Ci siamo consultati da vicino in ogni fase, noi abbiamo presentato diverse relazioni sull’adesione della Nato al Congresso in modo che il Senato potesse procedere in modo efficiente e rapido, acconsentendo e consigliando il trattato». Il presidente Biden ha poi elogiato il ruolo della Nato: «La Nato è ancora rilevante? È ancora efficace? È ancora necessaria nel mondo del 21° secolo? Oggi non ci sono dubbi. La Nato è rilevante. È efficace ed è necessaria ora più che mai. L’alleanza indispensabile dei decenni passati è ancora l’alleanza indispensabile per il mondo che affrontiamo oggi. Si tratta di una Nato rianimata che ha gli strumenti e le risorse, la chiarezza e la convinzione, per difendere i nostri valori condivisi e guidare il mondo».


Leggi anche: