Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Assange deve tornare negli Usa, dal governo britannico l’ultimo via libera per l’estradizione del fondatore di WikiLeaks

La decisione finale di Londra arriva dopo la sentenza del tribunale del 20 aprile: ora l’attivista rischia una condanna pesantissima negli Stati Uniti

Il governo britannico ha ordinato l’estrazione negli Stati Uniti di Julian Assange. Il via libera finale è arrivato dalla ministra dell’Interno britannica, Priti Patel, ma era considerato un passaggio scontato dopo la decisione del tribunale di Londra per l’estradizione arrivata lo scorso 20 aprile. Ora il fondatore di WikiLeaks rischia di scontare una pesantissima condanna negli Usa per aver contribuito a diffondere documenti riservati contenenti anche informazioni su crimini di guerra commessi dall’esercito americano in Iraq e Afghanistan. «Un giorno buio per la libertà di stampa», ha commentato la squadra di WikiLeaks dopo la decisione di Patel.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: