Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Le strane teorie su Maxine Waters che non sbatte le palpebre e le “maschere dell’elite”

Secondo molti utenti, è la prova del fatto che Waters sia una rettiliana. In realtà la donna, 84 anni, stava probabilmente incubando il Covid-19

Lo scorso 10 giugno, la speaker della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha tenuto una conferenza stampa per il Summit of the Americas a Los Angeles. Ma è stata la rappresentante democratica Maxine Waters a risultare la vera protagonista dell’intervento: una clip di dieci secondi in cui guarda fissa la telecamera senza sbattere le palpebre è diventata virale, come presunta prova del fatto che ci troviamo al cospetto di una “creatura sovrannaturale”: ovvero rettiliana, secondo una nota teoria del complotto.

Per chi ha fretta:

  • La deputata democratica Maxine Waters è stata ripresa in una clip dove non batte le palpebre per dieci secondi e ha un’espressione assente e stremata.
  • Secondo molti utenti è la prova del fatto che sia un clone o una rettiliana.
  • Waters è risultata positiva al Covid quattro giorni dopo che la clip è stata girata.
  • Considerata anche la sua età avanzata, la spiegazione più probabile è che semplicemente fosse spossata dal summit che stava avendo luogo in quel frangente (e dove probabilmente ha contratto il virus).

Analisi

«Usano maschere, chissà chi c’è sotto. Non sbatte gli occhi, notare il collo, la collana. Don’t blink Maxine…»: questo testo accompagna il video di dieci secondi. In esso, la democratica Waters appare alle spalle di Pelosi, con un’aria strana: sembra spaesata, guarda fisso in camera senza sbattere le palpebre, ha un’espressione assente. Passati gli undici secondi, torna a battere le palpebre e distoglie lo sguardo dalla telecamera. Troppo tardi però: secondo molti utenti, è già stata catturata in video la prova del fatto che Waters sia un «falso umano, o un sosia mascherato, un clone, o chissà cos’altro», come recita questo Tweet.

Possiamo vedere una versione completa e contestualizzata della scena ripresa in un video di 34 minuti, che ha trasmesso in diretta una conferenza stampa, in cui ogni membro della delegazione del Congresso democratico ha fatto un breve intervento. Il video deriva da una diretta streaming, quindi è presente qualche problema tecnico (la voce e i frame sembrano saltare, all’inizio), ma nei primissimi attimi, dal minuto 0.20 allo 0.39 circa, è possibile vedere la scena incriminata: cambia l’angolazione, perché la telecamera non era quella dell’emittente ripresa dai complottisti in diretta tv, ma quella dalla quale si è connessa la pagina di Nancy Pelosi. Non ci sono tuttavia dubbi sul fatto che siano gli stessi attimi: basta notare la disposizione dei politici e l’espressione di Waters. Che, peraltro, fa un intervento pochi minuti dopo il suo presunto «glitch». Quando è arrivato il suo turno, Waters ha parlato per un paio di minuti e non sembrava avere nulla che non andasse: verificatelo voi stessi, dal minuto 4:05.

Ciò non toglie che, quando inquadrata alle spalle di Nancy Pelosi, Waters presenta innegabilmente un aspetto anomalo. Probabilmente l’aria stanca e deconcentrata potrebbe avere qualche collegamento con il Covid-19: quattro giorni dopo la conferenza stampa in questione, infatti, è stata data notizia del fatto che Maxine Waters è risultata positiva al Coronavirus. La deputata ha dato l’annuncio specificando che il contagio probabilmente è avvenuto proprio nel corso del Summit delle Americhe. Non è chiaro se fosse necessaria la vaccinazione per partecipare, ma le fotografie dell’evento hanno mostrato che la maggior parte dei partecipanti non indossava maschere durante diversi eventi al chiuso.

Covid o meno, bisogna considerare l’eventualità che la Waters fosse semplicemente in preda a un momento di spossatezza: la donna compirà 84 anni quest’anno, era reduce da un lungo viaggio per raggiungere il summit (poiché il congresso statunitense si trova a Washington sulla costa atlantica) e aveva appena partecipato a una grande e importante conferenza politica. Ci sono dunque una serie di spiegazioni per la sua espressione bizzarra che sono ben più credibili di quella che vorrebbe renderla una rettiliana.

Maxine Waters già nel mirino dei complottisti

Ma d’altronde, non è la prima volta che i deputati democratici finiscono nel mirino della disinformazione. E non è la prima volta neanche per la stessa Waters: a metà del 2018, tra le accresciute tensioni politiche sulle questioni dell’immigrazione, spuntò fuori una presunta dichiarazione a lei attribuita (condivisa dagli account pro-Trump) che la vedeva chiedere che un «immigrato clandestino» venisse nominato come prossimo giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti.

L’immagine era un falso, tuttavia. Waters non ha mai fatto richiesta di un «immigrato illegale» per sostituire Kennedy alla Corte Suprema e lo screenshot è stata ritoccato per inserire il falso virgolettato. Anche la retorica che sostiene, come la prima utente citata, che i politici di alto profilo «usino delle maschere» per nascondere chissà quale natura rettiliana al di sotto di esse, ritorna periodicamente in voga. Basta una piega sospetta della pelle, delle rughe di espressione più marcate del solito, o un’inquadratura dalla risoluzione ambigua per portare gli utenti a domandare: «Chissà chi, o meglio, COSA c’è sotto sta maschera ?…».

Conclusioni

La causa della spossatezza della deputata Waters è verosimilmente da rintracciare nel fatto che probabilmente stava incubando il Covid-19 (risulterà positiva 4 giorni dopo l’evento), nella sua età avanzata e nello sforzo che un lungo viaggio e un convegno apportano al fisico. Non nella sua presunta natura sovrannaturale.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: