Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Questo edificio in fiamme non è una «fabbrica di carne artificiale» di proprietà di Bill Gates

Una clip che mostra l’incendio è stata condivisa da molti utenti su Facebook, con questa descrizione

Circola un video in cui vediamo una fattoria divorata dalle fiamme. Secondo alcuni utenti, sarebbe di proprietà di Bill Gates, e ad attaccarla sarebbero state persone «esasperate». In realtà però, l’incendio non ha nulla a che vedere con il fondatore di Microsoft.

Per chi ha fretta:

  • Un video diffuso negli ultimi giorni, secondo alcuni utenti, ritrae una fabbrica di “carne artificiale” di proprietà di Bill Gates mentre va a fuoco
  • Secondo quanto scrivono sul web, l’incendio sarebbe stato appiccato da persone esasperate
  • In realtà l’edificio è un magazzino di proprietà dell’azienda olandese Picnic, rispetto al quale il Bill e Melinda Gates Foundation Trust è solo un’azionista di minoranza

Analisi

«La gente in Olanda ne ha avuto abbastanza. La società di proprietà di Bill Gates è stata data alle fiamme». Questo è quanto scrive un utente su Facebook, postando una breve clip di 12 secondi in cui vediamo le fiamme divorare un edificio, e una lunga colonna di fumo nero salire nel cielo. La stessa clip, con la stessa descrizione, è stata condivisa anche qui, qui e qui. C’è chi arricchisce il testo, scrivendo: «La società che produce carne artificiale finanziata anche da Bill Gates&Co… si c’è sempre lui, che noia. Bill è un genio…finanzia vaccini da tempo e arriva una pandemia, acquista ettari e ettari di terreno coltivati e siamo vicini ad una crisi alimentare, fa parte di una azienda di carne artificiale e dobbiamo abbattere i capi di bestiame. Una volta si diceva… tre indizi sono una prova».

Lo scorso 11 luglio si è verificato un incendio nella città olandese di Almelo. Secondo quanto dichiarato dai vigili del fuoco locali, le fiamme hanno completamente distrutto l’edificio, ma non sono stati segnalati feriti. La causa dell’incendio non è ancora nota ed era ancora oggetto di indagine, secondo la dichiarazione dei pompieri. Ma se approfondiamo le ricerche sulla struttura bruciata, scopriamo che ha ben poco a che fare con il fondatore di Microsoft.

La fabbrica olandese e il coinvolgimento reale di Bill Gates

La struttura che vediamo andare a fuoco è infatti un centro di distribuzione gestito da Picnic, un servizio di alimentari online olandese fondato nel 2015 che consente agli utenti di ordinare generi alimentari utilizzando un’app mobile e farsela consegnare. Un portavoce della società, Martijn Koolhoven, ha smentito in una dichiarazione all’agenzia di stampa AP il fatto che l’edificio venisse usato per produrre «carne artificiale». In verità, non veniva utilizzato proprio per nessun tipo di produzione. Il centro che ha preso fuoco, infatti, era un magazzino utile a raccogliere le merci, per poi spedire gli ordini su camion elettrici per la consegna.

Da dove è uscito allora il nome di Bill Gates? Il fondo intitolato al magnate, nel 2021, ha deciso di contribuire a una grande raccolta fondi organizzata da Picnic. Ma la stessa scelta, ha detto Koolhoven, l’hanno fatta «molti altri azionisti esistenti», e il suo non era altro che un contributo tra i tanti. A intermediare la donazione, inoltre, è stato il Bill and Melinda Gates Foundation Trust, che sul suo sito web puntualizza come le scelte di investimento vengano prese da un team esterno di gestori. In ogni caso, l’investimento fatto in Picnic non gli ha resi azionisti di controllo, commenta ancora Koolhoven. Né Gates, né il trust, possiedono o gestiscono Picnic.

Conclusioni

Lo scorso 11 luglio un magazzino ha preso fuoco in Olanda. I post che sostengono fosse un incendio per colpire Bill Gates, presunto proprietario della struttura, veicolano un’informazione fuorviante. L’edificio apparteneva alla società Picnic, un’azienda olandese per la consegna a domicilio della spesa.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: