Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Disney supera Netflix. Il numero di abbonati alla sue piattaforme di streaming è arrivato a 221,1 milioni. Ma ora le tariffe aumenteranno

Dall’8 dicembre negli Stati Uniti il prezzo base di Disney+ aumenterà di 3 dollari: costerà 10,99 dollari al mese

Lo scarto è minimo, e forse temporaneo, ma rende abbastanza l’idea di cosa sta succedendo nel mercato delle piattaforme di streaming. Nelle ultime ore Disney+ ha annunciato i nuovi dati sui suoi abbonati: con il secondo trimestre del 2022 la piattaforma nata nel novembre 2019 è arrivata a 221,1 milioni di abbonati. Cifra che si calcola sommando anche gli utenti paganti di Hulu e ESPN+, tutti di proprietà Disney. Per 400 mila abbonati è riuscita quindi a superare Netflix, ferma invece a 220,7 milioni di sottoscrittori. Le ragioni del sorpasso, superiore anche alle aspettative degli azionisti, sono parecchie. In parte si possono trovare nei contenuti esclusivi, a partire dalle serie basate sui franchise di Marvel e Star Wars. In parte derivano anche dai diritti sportivi acquistati da Disney, come quelli sul campionato di cricket dell’India (anche se ormai sono in scadenza). L’aumento di follower è stato celebrato anche da Bob Chapek, ceo di Disney:


«Abbiamo avuto un trimestre eccellente. I nostri team globali che si occupano di business e di contenuti hanno fornito prestazioni eccezionali in diversi ambiti: dai parchi a tema, all’aumento del grande pubblico negli sport dal vivo, passando per una crescita significativa degli abbonati ai nostri servizi di streaming».


Le nuove tariffe per lo streaming

Dopo l’aumento degli abbonati, Disney+ sta già pensando di rimodulare le sue offerte. Nello specifico la piattaforma sta valutando di alzare a fine anno i prezzi degli abbonamenti. Dall’8 dicembre il costo del profilo standard negli Stati Uniti passerà a 10,99 dollari al mese, aumentando quindi di 3 dollari. Non solo. L’azienda introdurrà un abbonamento per un servizio di streaming che prevede anche la trasmissione della pubblicità per un costo di 7,99 dollari al mese.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: