Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Torino, scoppia il caso Lukic: il capitano non parte per Monza

Il capitano granata è stato escluso dalla squadra dopo non essersi presentato all’ultimo allenamento

Certamente non serviva. In casa Torino nelle ultime settimane la parola pace sembra non essere di casa. Dopo la sfuriata Juric-Vagnati di qualche settimana fa e la conferenza stampa dell’allenatore alla vigilia di Monza-Torino, a poche ore dall’inizio della nuova stagione scoppia un altro caso nel Torino. Il capitano Sasa Lukic non è stato convocato da Juric per la trasferta brianzola e non sarà in campo sabato 13 agosto nella gara Monza-Torino delle 20.45. Un fulmine a ciel sereno che non aveva avuto avvisaglie nelle parole di Juric qualche ora prima dell’esclusione: «Lukic è un ragazzo che è da sei anni qua, l’anno scorso ha fatto un salto di qualità anche nella personalità. Mi sembrava una scelta naturale quella di farlo capitano». Parole al miele che hanno preceduto però l’esclusione dai convocati.


Cosa è successo?

ANSA | L’allenatore del Torino Ivan Juric

La mancata convocazione di Sasa Lukic è figlia della decisione venerdì di non presentarsi all’allenamento di rifinitura della squadra. Una decisione comunicata con anticipo al suo allenatore, con il quale la stima rimane intatta, che ha appreso la volontà di strappare del serbo, salvo poi dover prendere una decisione forte a salvaguardia dell’equilibrio del gruppo squadra. Il motivo? Un tira e molla in corso con la società nella trattativa per il rinnovo di contratto, in fase di discussione da alcune settimane. Il giocatore infatti aveva richiesto legittimamente un adeguamento a cifre da top player vista la scadenza nel 2024, il suo ruolo e il suo spazio nei piani del club. Il club ha acconsentito a parlarne per riconoscerglielo, ma l’accordo sembra molto lontano dalla conclusione. In più le tante voci di mercato attorno al calciatore che di certo non aiutano a rendere meno spinosa la questione. Uno strappo ricucibile? Lo dirà solo il futuro, ma di certo questo è un fulmine a ciel sereno che nessuno si aspettava.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: