Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Di Maio: «Il governo Meloni? Durerà un anno, poi si sfascerà. Noi pronti al bis di Draghi premier»

Il ministro degli esteri: il vero obiettivo del centrodestra è buttare giù Mattarella

«Come Impegno civico saremo prontissimi a sostenere di nuovo Draghi alla presidenza del Consiglio». Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio in un’intervista a La Stampa prova a prevedere l’esito delle prossime elezioni. Se la destra invece vincesse in maniera larga, «in quel caso il trio sfascia-conti durerà un anno. Salvini lavorerà con Berlusconi per logorare Meloni, dopodiché andranno di nuovo da Draghi a pregarlo di tornare a palazzo Chigi. Sono caotici». Riguardo alle frasi della leader di FdI sulla necessità, in caso di vittoria, di assegnare l’incarico di formare il governo a chi otterrà più voti nel centrodestra, Di Maio ricorda il ruolo di Mattarella: «A dare l’incarico è sempre il capo dello Stato. Ma al di là di questo credo che la mancanza di sensibilità istituzionale nel centrodestra parta dal fatto che Berlusconi, da leader della coalizione, voglia un presidenzialismo all’italiana – con il potere tolto al Parlamento e concentrato nelle mani di una sola persona – e chieda le dimissioni di Mattarella. Il vero disegno è buttare giù il presidente della Repubblica. Per me, se anche si arrivasse al presidenzialismo, dovrebbe esserci una norma transitoria che permetta al capo dello Stato di restare in carica fino al termine del suo mandato».


Continua a leggere su Open


Leggi anche: