Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia
MONDO RussiaTvUcrainaVideo

La lite tra gli esperti della tv russa: «Ci hanno raccontato balle, l’Operazione Speciale sta fallendo e siamo nei guai» – Il video

Il dibattito su Ntv dal Russian Media Monitor: impossibile vincere in Ucraina con i mercenari

Il Russian Media Monitor della giornalista del Daily Beast Julia Davis pubblica uno spezzone di un dibattito andato in onda sulla tv russa Ntv dopo le vittorie sul campo dell’Ucraina. Boris Nadezhdin, ex deputato della Duma, esordisce dicendo che Putin aveva promesso che l’Operazione Speciale in Ucraina non avrebbe fatto vittime civili, sarebbe stata rapida e che la Guardia Nazionale avrebbe risolto tutto in poco tempo. E questo perché, secondo l’esperto, al presidente era stato detto che gli ucraini si sarebbero arresi e che volevano diventare russi. «È stato detto anche alla tv», aggiunge sarcastico. Poi spiega che è giusto dire che è impossibile vincere in Ucraina con metodi da guerra coloniale, usando i mercenari e senza mobilitazione. Perché dall’altra parte c’è un esercito ben equipaggiato e molto ampio. E quando il conduttore gli chiede se sta suggerendo una mobilitazione generale, Nadezhdin risponde che suggerisce di aprire i colloqui di pace per finire la guerra. Sergey Mironov, deputato della Duma, risponde che l’armata del “nazista” Zelensky deve essere distrutta.


E aggiunge che anche Putin ha sottolineato di non aver ancora cominciato la guerra in Ucraina. Interviene a quel punto l’esperto di geopolitica Viktor Olevich sostenendo che se la Nato si è schierata in Ucraina, i servizi segreti russi avrebbero dovuto prevederlo. L’altro deputato Alexander Kazarov a quel punto minaccia sottilmente Nadezhdin, invitandolo a moderare il linguaggio. E a non parlare di “guerra coloniale” perché c’è il rischio di un conflitto globale. Nadezhdin replica che se scoppiasse davvero una guerra globale la Russia si troverebbe in difficoltà. Il conduttore Ivan Trushkin dà la parola ad Alexei Timofeev, che spiega come «secondo un esperto» (che non nomina) ad Odessa i russi si aspettavano di trovare un popolo pronto ad abbracciarli ma non è stato così. Mironov interviene di nuovo per dire che è necessario battere l’Ucraina e far cadere il regime nazista e Nadezhdin gli chiede «In quanto tempo?». La risposta: «Per tutto il tempo necessario». La controreplica: «Grazie per averlo ammesso».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: