Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Questo video non c’entra con la morte della regina Elisabetta

Nel filmato, la folla davanti a Buckingham Palace urla: «Pedofili!». Il video è reale, ma risale al 2020. Le accuse si rivolgono al terzogenito di Elisabetta, il principe Andrea, accusato da Virginia Giuffre di essere andato a letto con lei quando la donna era ancora minorenne.

Circola un video in concomitanza con il lungo saluto che il Regno Unito dedica alla regina Elisabetta II, morta lo scorso 8 settembre. La coincidenza temporale potrebbe fare credere che l’evento si sia verificato in occasione del decesso. Il filmato, però, è del 2020 e non ha a che vedere con la regina, bensì con il Duca di York, il principe Andrea, accusato da una diciasettenne di aver avuto rapporti sessuali con lei nel 2001. La vicenda vede anche il coinvolgimento di Jeffrey Epstein, morto suicida in carcere e Ghislaine Maxwell, condannata a 20 anni di carcere.

Per chi ha fretta:

  • Sì, il video è reale.
  • No, non ha nulla a che vedere con la morte della Regina Elisabetta. Risale al 2020.
  • Ad essere accusato di essere un pedofilo è il Duca di York il principe Andrea.
  • Il caso ha trovato ampissimo spazio sui media italiani e internazionali. Incluse le emittenti televisive.

Analisi

«Quello che in tv non dicono e non fanno vedere. Buckingham Palace la folla URLA PEDOFILI». Questo è quanto si legge nella descrizione di uno dei post su Facebook che condividono il video. Ascoltandolo è possibile che effettivamente la folla urla in coro: «Paedophiles! Paedophiles! Paedophiles!».

Ma chi all’interno del palazzo è accusato di essere un pedofilo? E a quando risale il video? Cercando su Google le parole chiave: «pedophiles buckingham palace» è possibile recuperare un articolo di Vice che racconta delle proteste mostrando anche uno screenshot tratto dallo stesso filmato. Si può confermare che si tratta dello stesso video osservando questi due fermi immagine in cui appare lo stesso uomo calvo, vestito di bianco, con gli occhiali avvolgenti.

Screenshot tratto dal filmato su Facebook
VICE / Twitter | Immagine usata come copertina dell’articolo

Appurato che il video è quello in oggetto, leggendo l’articolo si apprende che al centro del dibattito è il terzogenito di Elisabetta: il principe Andrea. Il Duca di York è stato coinvolto nello scandalo che vede protagonisti l’imprenditore Jeffrey Epstein e la moglie Ghislaine Maxwell. Lui è morto suicida in carcere nel 2019, dove si trovava per essere stato condannato per abusi sessuali e traffico internazionale di minorenni. Lei si trova attualmente in carcere, dopo essere stata condannata a 20 anni per adescamento sessuale e complicità nei reati del marito. La “dama nera” – così Maxwell è soprannominata – appare in una famosa foto del 2001 scattata proprio da Epstein. Nell’immagine, Virginia Giuffre, la principale accusatrice dei due, allora diciasettenne, posa con il principe Andrea, che le cinge la vita con un braccio. La donna sostiene di aver avuto rapporti sessuali quando era ancora minorenne con il terzogenito di Elisabetta, che nega le accuse. A febbraio 2022 due hanno trovato un accordo extragiudiziale. Giuffre ha ritirato le accuse in cambio di una donazione di 12 milioni di sterline in supporto alle vittime degli abusi elargita dal principe.

La famosa foto del principe Andrea, Virgina Giuffre e – sullo sfondo – Ghislaine Maxwell

Infine, sostenere che in tv non dicono cosa è successo non corrisponde al vero. Una ricerca su YouTube della stringa «principe andrea virgina giuffre» è sufficiente a rivelare numerosi servizi della Rai e di La7 che trattano del caso.

Conclusioni

Un video del 2020 viene riproposto in concomitanza con i funerali della regina. Nel filmato, la folla davanti a Buckingham Palace urla: «Pedofili!». Il video è reale, ma risale al 2020. Le accuse si rivolgono al terzogenito di Elisabetta, il principe Andrea, accusato da Virginia Giuffre di essere andato a letto con lei quando la donna era ancora minorenne.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: