Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Nasa, la sonda Dart si è schiantata contro un asteroide – Il video

Il test su Dimorphis per sperimentare la difesa della terra: «Impact!»

La sonda Dart della Nasa ha colpito Dimorphos, il piccolo asteroide dal diametro di 160 metri, per deviarne la traiettoria. Si è trattato del primo esperimento di difesa planetaria, ossia progettato per difendere in futuro la Terra da asteroidi minacciosi. Il testimone dell’impatto è stato il minisatellite italiano LiciaCube, finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e realizzato dall’azienda Argotec. Il test è stato effettuato per valutare la capacità del sistema di difendere la Terra da asteroidi potenzialmente minacciosi in caso di impatto nell’atmosfera. All’1.15 ora italiana i tecnici della Nasa hanno gridato: «Impact!». «Stiamo intraprendendo una nuova era. Un’era in cui abbiamo potenzialmente la capacità di proteggerci da qualcosa. Come un pericoloso impatto di un asteroide pericoloso», ha detto Lori Glaze, direttore della divisione di scienze planetarie della Nasa,


Dart e Dimorphis: «Impact!»

Mentre la sonda Dart si avvicinava al bersaglio, la sua telecamera inviava alla Terra immagini sempre più dettagliate della superficie irregolare e piena di asperità del piccolo corpo celeste. Che era distante dalla Terra 13 milioni di chilometri. A ogni immagine ravvicinata l’emozione aumentava nel Centro di controllo della Nasa, fino al grandissimo applauso che ha salutato l’impatto. «Nei 4 minuti prima dell’impatto, Liciacube ha iniziato l’inseguimento dell’asteroide. Guidata non più dalle traiettorie precaricate a bordo, ma dall’Imaging System, il sistema di giuda e controllo di assetto basato sulle immagini in tempo reale», ha detto Simone Pirrotta, responsabile della missione LiciaCube per l’Asi. La sonda spaziale Dart (Double Asteroid Redirection Test) della Nasa è stata lanciata con successo lo scorso 24 novembre. Tramite un razzo vettore Falcon 9 della SpaceX. I due telescopi spaziali Webb e Hubble hanno visionato la missione. Il sistema di asteroidi non rappresentava una minaccia per la Terra. Dart ha avuto però il compito di dimostrare la nostra capacità di modificare l’orbita di un asteroide. Sperimentando per la prima volta la tecnica dell’impatto cinetico.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: