Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Questi bambini ucraini non stanno cantando l’inno della Lutwaffe nazista

La canzone del video non è collegabile con l’aviazione tedesca nella Seconda guerra mondiale

Su Facebook circola un video che mostra dei bambini su un palco: uno di loro – l’unico maschio – in abiti mimetici canta una canzone, mentre le bambine dietro di lui, vestite con i colori della bandiera ucraina presente anche dietro di loro, ballano a ritmo in una coreografia. Secondo chi condivide il filmato, la canzone in questione sarebbe l’inno della Luftwaffel’aviazione tedesca durante la Seconda guerra mondiale.

Per chi ha fretta:

  • La canzone nel video su Facebook non è l’inno della Luftwaffe, ma una rivisitazione di un brano folk bretone.
  • La Luftwaffe non ha un inno.

Analisi

Un palco, un cantante e nove ballerine. Tutti bambini. Sullo sfondo il coreografo. Così appare la scena mostrata nel video nella cui descrizione si legge:

«L’inno della Luftwaffe nazista cantato dai bambini ucraini. Ma non c’è nazismo in Ucraina, qualsiasi nazista ucraino lo sa. Politici italiani. Popolo italiano. Questi amano il nazismo da piccoli. Continuate così popolo italiano. Siamo pecore bianche. Io voglio essere nera. Mi dissocio con tutti voi insieme ai politici»

Il post include anche un link a un canale Telegram chiamato Alexander Subchenko che ha condiviso il video lo scorso 23 settembre. La presentazione del canale avviene con queste parole in russo: « —Вы, очевидно, русский? — Честь имею быть им» (in italiano: «- Chiaramente sei russo? – Ho l’onore di esserlo»). Il video viene postato assieme a un messaggio molto simile a quello che appare su Facebook, ma che questa volta pare riferirsi al presidente ucraino Volodymyr Zelensky: «L’inno della Luftwaffe nazista intonato dai bambini ucraini. Ma non c’è nazismo in Ucraina, tutti i nazisti ucraini lo sanno. In che razza di spazzatura nazista hai trasformato il Paese, stupido delinquente russofobo».

La melodia

È sufficiente ascoltare la musica presente nel video per rendersi conto che non si tratta dell’inno – non ufficiale – della Lutwaffe: le due melodie sono completamente diverse. La canzone intonata dai piccoli ucraini è una versione rivisitata del brano Zeven Dagen Lang, del gruppo folk rock olandese Bots. Questo è a sua volta tratta dalla canzone folk bretone Son ar chistr, presente qui di seguito.

D’altro canto, la Luftwaffe non aveva un inno ufficiale. Anche se i militari nazisti erano soliti cantare una canzone nota come Bomben auf Engelland («Bombe sull’Inghilterra»), utilizzata anche nelle campagne di Polonia e Francia con un testo lievemente diverso. La melodia può essere ascoltata qui sotto, e non c’entra nulla con quella della canzone intonata dai giovani ucraini.

Ma quindi, da dove deriva l’associazione tra la Luftwaffe e la melodia che si sente nel video su Facebook? Come fanno notare i colleghi di Lead Stories, tutto parte da un video su YouTube caricato dal canale “National Anthems” dove si vede il logo dell’aviazione nazista muoversi al ritmo di Zeven Dagen Lang. L’associazione è puramente arbitraria, come dimostra la descrizione del video, che in russo recita: «Non l’inno ufficiale della Luftwaffe!». Inoltre, nei crediti per il copyright è chiaramente indicato il titolo della canzone e quali sono gli autori.

Conclusioni:

Alcuni utenti Facebook stanno condividendo un video nel quale dei bambini ucraini fanno un spettacolo sulle note di una rivisitazione di Zeven Dagen Lang, del gruppo olandese Bots. Questa canzone non ha nessuna correlazione reale con l’aviazione tedesca nella Seconda guerra mondiale.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: