Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il piano sul tavolo del governo tedesco contro il caro-energia: bollette pagate per tutti a dicembre, price cap sul gas da marzo

La commissione di esperti per il gas istituita da Olaf Scholz ha presentato il piano con cui saranno spesi i 200 miliardi messi a disposizione da Berlino

Una strategia in due fasi quella indicata al governo tedesco dalla commissione di esperti istituita per trovare una soluzione contro il caro-energia. Il pool di esperti ha presentato oggi il pacchetto di misure che il governo di Olaf Scholz potrebbe approvare per il piano annunciato da Berlino e finanziato con 200 miliardi di euro. Una mossa che in Europa aveva sollevato diverse critiche, a cominciare dal premier italiano Mario Draghi, che avvertiva il governo tedesco di mettere a rischio l’unità del fronte europeo con iniziative autonome di questo genere. Nel piano indicato, la commissione prevede che il governo si faccia carico del 100% delle bollette del gas di tutte le famiglie e le piccole e medie imprese tedesche a dicembre. Mentre per marzo sarebbe previsto un tetto al prezzo del metano.


Niente bollette a dicembre

La prima misura consigliata dal pool di esperti, e che il governo tedesco potrebbe adottare già nelle prossime settimane, prevede che lo Stato si faccia carico delle bollette del gas di dicembre per tutte le famiglie e le piccole e medie aziende. La seconda parte del piano prevede poi un tetto nazionale al prezzo del gas. Dal marzo 2023 a fine aprile 2024, la commissione propone al governo federale di ridurre il costo del gas a 12 centesimi per kilowattora, pur continuando a incentivare misure di risparmio energetico. Il vice presidente della Spd, Matthias Miersch, ha promesso che la riduzione dei prezzi del gas sarà formalizzata già ad ottobre, così da permettere a tutti di pianificare le proprie spese in bolletta. I parlamentari di Die Linke, partito di sinistra, hanno giudicato le misure «insufficienti» e «socialmente ingiuste». «Con le proposte attuali, decine di migliaia di cittadini e aziende saranno schiacciati dai prezzi questo inverno», ha criticato il parlamentare Dietmar Bartsch.


La strategia europea

Accanto alle misure federali, la commissione di esperti ha invitato il governo tedesco a esaminare «opzioni per attutire l’andamento dei prezzi a livello europeo, tenendo conto della formazione dei prezzi sui mercati mondiali». Proprio questa mattina, la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha annunciato che «entro le prossime due settimane si arriverà a una proposta per calmierare i prezzi dell’energia». Al prossimo Consiglio Ue si discuterà soprattutto del compromesso portato avanti dalla Commissione: l’imposizione di un price cap solo per il gas usato per generare elettricità. Una misura che potrebbe avere l’appoggio decisivo anche della Germania.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: