Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

L’assalto dei Casamonica al bar dell’ex pesista: «Ho reagito a calci, non ho paura di loro»

Il racconto della titolare: «Vengono a marcare il territorio, si sentono i padroni»

Nel pomeriggio di lunedì 17 ottobre quattro donne della dinastia dei Casamonica hanno scatenato una rissa con la titolare del Rosy Bar in via Pietro Marchisio a Cinecittà est. Il Messaggero racconta che le donne, dai 20 ai 40 anni con due ragazzi, già il sabato precedente avevano lasciato l’esercizio senza pagare il conto. Graziella Crialesi, nel frattempo ricoverata all’ospedale Pertini con sei giorni di prognosi, le ha affrontate davanti al figlio. Secondo il racconto del quotidiano è stata un’escalation: prima le offese e le minacce, poi calci e pugni: «Vengono a marcare il territorio, si sentono i padroni». Nell’occasione avevano ordinato caramelle e té: «Un’altra volta avevano preso due birre. Ma è il principio. Non hanno rispetto, quando glielo dici, smettono per qualche giorno e poi ricominciano». La donna racconta che le Casamonica avevano preso l’abitudine di usare il bagno dell’esercizio per preparare dosi di stupefacenti da vendere. Stavolta le ha affrontate: «Mi hanno strattonato e dato un calcio per non dire quello che ho sentito uscire dalla loro bocca, gli ho risposto e ho tirato anche io un calcione, sono un’ex pesista del resto e soprattutto: non ho paura». Successivamente sono arrivati gli uomini, mentre volavano tavolini e sedie. E le minacce: «Noi siamo i Casamonica, la piazza la gestiamo noi, ti bruciamo il locale, hai finito di vivere, il quartiere è nostro, mentre andavo via con la polizia due piccoletti in motorino mi hanno sputato…». Il giorno dopo la polizia ha pattugliato il bar. Lei non ha intenzione di arrendersi: «Quando sono arrivata mi hanno spiegato che con loro funziona così. Mi dispiace ma non mi va giù».


Continua a leggere su Open


Leggi anche: