Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

«Welcome to Britaly»: la copertina dell’Economist che sfotte il Regno Unito paragonandolo all’Italia

La premier Truss aveva avvertito del pericolo per Londra: cominciare a somigliare troppo al Belpaese. Adesso tutto questo si sta avverando

La frase «Welcome to Britaly». E una caricatura di Liz Truss che tiene in mano una forchetta con spaghetti e una pizza. Le copertine dell’Economist hanno spesso fatto la storia (come quella su Berlusconi «unfit to lead Italy»). Ma nell’occasione l’obiettivo è il nuovo governo conservatore nato dopo l’addio di Boris Johnson. La nuova premier ha annunciato un taglio delle tasse che ha messo a rischio i conti del paese. E poi se l’è dovuta rimangiare. Insieme a gran parte del pacchetto fiscale che doveva costituire il cuore della sua politica economica. E mentre si rincorrono le voci sul governo già al capolinea, l’Economist ricorda che proprio Truss, insieme a Kwasi Warteng, era stata l’autrice di un opuscolo chiamato “Britannia Unchained“, nel quale metteva in guardia dal rischio di diventare un paese come l’Italia. Ovvero con crescita bassa, scarsa produttività e conti in disordine. Ebbene, chiosa l’Economist, tutto questo si sta avverando proprio mentre Truss è al governo. Non certo un buon inizio per la premier. E il rischio che la fine sia vicina si fa sempre più reale.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: