Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Fiducia, Soumahoro (Avs) a Meloni: «Italiani si nasce, ma si diventa anche. Non per questo si è meno italiani» – Il video

«Abbiamo bisogno di patriottismo solidale e sociale, non di un patriottismo individualista», ha detto il deputato e sindacalista dei braccianti

«Voglio parlare a nome di chi è dimenticato, sfruttato e reso invisibile. Di chi porta come me le cicatrici del razzismo e della discriminazione. Di chi fa fatica a vivere dignitosamente. Ricordatevi che avete giurato fedeltà alla nostra Carta costituzionale che è fondata sull’uguaglianza sociale del rispetto dell’ambiente e dei valori dell’anti razzismo anti fascismo». Cinque minuti di intervento, il primo della componente Alleanza Verdi-Sinistra alla Camera. Aboubakar Soumahoro, preannunciando il voto contrario alla fiducia al governo Meloni, ha posto l’attenzione sul tema dell’immigrazione: «Italiani si nasce, ma si diventa anche. Non per questo si è meno italiani». Soumahoro, durante la discussione generale a Montecitorio sulle dichiarazioni programmatiche della presidente del Consiglio, ha evidenziato la carenza di riferimenti alla Resistenza nel discorso di Giorgia Meloni: «Ricordatevi che la Costituzione ha dietro ogni articolo centinaia di giovani morti per la Resistenza. Per questo, al nostro Paese, serve una politica sia partigiana che patriottica». In chiusura, il deputato di Alleanza Verdi-Sinistra, alla prima legislatura, ha preso in prestito le classiche parole utilizzate da Fratelli d’Italia per declinarle nella concezione della sinistra che rappresenta: «Serve al nostro amato Paese una politica non indifferente, ma una politica partigiana e patriottica. L’Italia ha bisogno di un patriottismo solidale e sociale. L’Italia non ha bisogno del patriottismo individualista né egoista. L’Italia ha bisogno del sovranismo relazionale, internazionalista, ambientalista, pacifista. L’Italia non ha bisogno di un sovranismo egoistico, isolazionista, classista e fomentatore di una caccia alle streghe».


Continua a leggere su Open


Leggi anche: