Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Eclissi solare del 25 ottobre: quando, come e dove vederla (in sicurezza)

Durerà due ore: inizierà tra le 11:15 e le 11:35, avrà il suo massimo circa un’ora dopo e terminerà attorno alle 13:20

Oggi, 25 ottobre, si potrà assistere a un’eclissi parziale di Sole, visibile da ogni parte d’Italia. La luna si posizionerà tra la Terra e il Sole mettendo in scena uno degli eventi astronomici più spettacolari dell’anno. Se impossibilitati a seguire l’evento in diretta, ci si può collegare al sito del Virtual Telescope dove vi sarà la diretta streaming commentata all’astrofisico Gianluca Masi. L’eclissi durerà due ore: inizierà tra le 11:15 e le 11:35, avrà il suo massimo circa un’ora dopo e terminerà attorno alle 13:20. 


Come vederla

L’osservazione diretta e a occhio nudo del Sole può essere pericolosa e provocare danni permanenti alla vista. Per evitare problemi è consigliato utilizzare i sistemi di protezione/osservazione specifici. Sono invece da evitare i metodi «fai da te», cove vecchie pellicole, vetri affumicati o i normali occhiali da sole. Online o nei negozi specializzati è possibile reperire gli occhiali con filtri spciali specifici oppure basta recarsi dal ferramenta e prendere degli occhiali da saldatore purché abbiano un indice di protezione almeno numero 14. Se non si ha a disposizione la giusta attrezzatura si può osservare il fenomeno proiettando l’immagine su una superficie, ad esempio prendendo un punto di riferimento su un edificio e guardarlo a intervalli regolari dall’inizio dell’eclissi e fare così caso ai cambiamenti di illuminazione.


Come fotografarla

Non solo per guardarla, anche per immortalare l’eclissi sono necessari alcuni accorgimenti. Anche in questo caso vanno posti dei filtri ad hoc, come binocoli o telescopi disponibili online o nei negozi che vendono materiale astronomico. Per le macchine fotografiche vi sono dei filtri appositi. Dal punto di vista tecnico è consigliabile regolare in modo manuale la messa a fuoco e l’esposizione per la grande quantità di luce che entrerà nel sensore e che la modalità automatica potrebbe non riuscire a gestire correttamente.

Che tipo di eclissi è

L’eclissi solare di oggi rientra nella cosiddetta famiglia Saros, una serie di eclissi separate tra loro da un intervallo di 6.585 giorni, pari a 18 anni, 10 giorni e 8 ore (o 18 anni, 11 giorni e 8 ore, a seconda dei bisestili). Le eclissi di questa famiglia tendono ad assomigliarsi tra loro, considerato che la Luna si trova circa nella stessa posizione rispetto al punto dove l’orbita del nostro satellite interseca quella terrestre e alla stessa distanza dalla Terra. Avvengono circa tutte lo stesso anno: attualmente, sono in corso circa 40 serie di eclissi Saros, riferisce Wired, e vengono identificare con un numero progressivo. Quella di oggi è la Saros 124, nonché la 50esima della serie. La prima si verificò il 6 marzo 1049 mentre l’ultima si prevede che avrà luogo l’11 marzo 2347.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: