Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La Germania vuole legalizzare la cannabis: via libera del governo anche all’uso ricreativo

L’esecutivo guidato da Olaf Scholz ha approvato il piano scritto dalla commissione: «La politica sulle droghe va cambiata»

Il governo tedesco ha approvato un documento con le linee guida sulla liberalizzazione della cannabis. Il piano, che deve ancora essere trasformato in proposta di legge e votato dal Parlamento, punta a regolare il consumo e la produzione di cannabis, depenalizzando anche l’uso personale ricreativo entro i 30 grammi. «La politica sulle droghe va cambiata», ha spiegato il ministro della Salute tedesco, Karl Lauterbach. «Il consumo della cannabis è aumentato. L’anno scorso 4 milioni di persone hanno fatto uso di cannabis in Germania. Nella fascia di età fra i 18 e i 24 anni a farne uso è il 25%». Il documento approvato oggi dal gabinetto di Olaf Scholz è stato scritto da un’apposita commissione incaricata dal governo di riscrivere le norme che regolano il mercato delle droghe leggere. Il piano messo a punto dalla commissione era già stato anticipato la scorsa settimana dalla stampa tedesca e contiene grosse novità dal punto di vista legislativo. Tra queste: il possesso legale di cannabis fino a 30 grammi per i maggiorenni e la vendita regolamentata in appositi negozi e farmacie. Il documento con le linee guida andrà ora sottoposto alla Commissione europea. Solo dopo aver ricevuto il via libera si potrà depositare una vera e propria proposta di legge, che potrebbe arrivare a questo punto il prossimo anno.


Il piano tedesco per la cannabis

Ma cosa prevede di preciso la strategia tedesca sulle droghe leggere? Innanzitutto, i maggiorenni in possesso di piccole quantità di cannabis – fino a 30 grammi – non potranno essere puniti. A essere depenalizzato, però, non è solo il consumo: anche la coltivazione – fino a due piante – cesserà di essere un reato. Più stringente invece la regolamentazione delle attività di vendita, che potranno avvenire solo se in possesso di un’apposita licenza e rispettando un limite massimo di Thc – ancora da stabilire – per i minori di 21 anni. Per «sopprimere il mercato nero», inoltre, anche le farmacie potrebbero iniziare a vendere cannabis. L’incognita più grande, però, rimane la produzione. Le leggi in materia dell’Unione Europea e il diritto internazionale prevedono il divieto di importazione di cannabis. Di conseguenza, l’intero fabbisogno dovrebbe essere coperto dalla coltivazione in Germania.


Foto di copertina: EPA / Joerg Carstensen | Il cancelliere tedesco Olaf Scholz

Continua a leggere su Open

Leggi anche: