Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Dl Aiuti quater, via libera del governo ai sostegni contro il caro energia: cosa prevede su Superbonus e tetto al contante

Il documento è stato approvato dal Consiglio dei ministri poco dopo le 21

Poco dopo le 21 di giovedì è stato approvato il Dl Aiuti quater dal Consiglio dei ministri, che si è concluso tre quarti d’ora dopo. Tra le misure approvate, la proroga del taglio alle accise, aumento del tetto al contante, rateizzazione delle bollette e sblocco delle trivelle. L’obiettivo dichiarato dal governo Meloni è il contrasto agli effetti del caro energia, per il quale ha previsto uno stanziamento di circa 9 miliardi di euro. Con il decreto – composto da 13 articoli – vengono introdotte modifiche al Superbonus e una proroga fino a fine anno dei crediti di imposta.


Rateizzazione delle bollette

Le imprese potranno chiedere la rateizzazione delle bollette di luce e gas. La misura dovrebbe essere destinata esclusivamente alle «imprese residenti in Italia» e consentirebbe di rateizzare gli importi che eccedono «l’importo medio contabilizzato» nel 2021 per i consumi effettuati «dal 1° ottobre 2022 al 31 marzo 2023». Secondo quanto previsto, la rateizzazione potrebbe decadere in caso di inadempimento di due rate (anche non consecutive).


Lo sblocco delle trivelle

Con il Dl Aiuti Quater, arriva anche la norma «sblocca-trivelle». Il decreto prevede infatti misure volte ad aumentare la produzione di gas naturale, attraverso il «rilascio di nuove concessioni tra le 9 e le 12 miglia» dalla costa. Si prevede inoltre, il rilascio di nuovi permessi per l’estrazione di idrocarburi posti «nel tratto di mare compreso tra il 45esimo parallelo e il parallelo passante per la foce del ramo di Goro del fiume Po», purché a più di 9 miglia dalla costa. Si tratta di misure che vengono attuate «in deroga» al divieto alle trivellazioni previsto dalle norme per l’attuazione del Piano energetico nazionale.

Superbonus dal 110% al 90%

Tra le misure preannunciate, nel nuovo decreto spunta anche la revisione del Superbonus. Il governo ha abbassato lo sconto sulla spesa per i lavori di efficientamento energetico dal 110% al 90% nel 2023. L’agevolazione viene confermata anche per gli immobili unifamiliari ma con un limite di reddito, fissato a 15mila euro e variabile in base al numero di componenti del nucleo familiare. Una delle misure è anche quella di allungare di tre mesi la finestra temporale all’interno della quale si applica il Superbonus 110% per le villette. Il testo modificherebbe quindi il termine entro cui spetta la detrazione (dal 31 dicembre 2022 al 31 marzo 2023) a condizione che al 30 settembre 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 30% dell’intervento complessivo.

Tetto al contante a 5mila euro

Confermata anche la volontà del governo di aumentare la soglia massima per i pagamenti in contanti, che passerebbe dai 2mila euro attuali a 5mila. Si tratta di un’inversione di tendenza rispetto alla normativa messa a punto dal governo di Mario Draghi, che prevedeva un’ulteriore riduzione – da 2mila a mille euro – a partire da gennaio. Il decreto Aiuti Quater prevede poi lo stanziamento di 80 milioni di euro per il 2023 da destinare a contributi per i commercianti obbligati alla trasmissione telematica dei corrispettivi all’Agenzia delle Entrate. I contributi saranno in credito di imposta pari al 100% della spesa sostenuta, con un limite di 50 euro per ogni registratore di cassa acquistato.

Giù le tasse per i premi aziendali

Nel decreto approvato dal Cdm oggi pomeriggio, era previsto anche l’aumento – da 600 a 3mila euro – della soglia dei premi esentasse che le imprese potranno concedere ai dipendenti per aiutarli a pagare le utenze domestiche di acqua, luce e gas. Il valore dei fringe benefits – inferiori a 3mila euro – prestati al lavoratore dipendente per far fronte al caro energia non concorrerà a formare il reddito imponibile.

Crediti d’imposta e accise benzina

Vengono prorogati fino alla fine dell’anno i crediti di imposta per le imprese – con aliquote potenziate al 40% per le imprese energivore e gasivore e al 30% per piccole che usano energia con potenza a partire dai 4,5 kW – e il taglio delle accise della benzina , che sarebbe scaduto il 18 novembre e viene spostato al 31 dicembre. Qui è disponibile il testo integrale diffuso dalla presidenza del Consiglio dei ministri.

Foto di copertina: ANSA/GIUSEPPE LAMI | La conferenza stampa di Giorgia Meloni al termine del consiglio dei ministri del 4 novembre 2022

Continua a leggere su Open

Leggi anche: