Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Nessuna enciclopedia descrive la Covid-19 come un comune raffreddore

La verità è che il SARS-CoV-2 che causa l’attuale pandemia è ben più grave di un comune raffreddore. I suoi sintomi non sono inclusi nell’enciclopedia perché quando è stata stampata, nel 1989, non si sapeva che questo virus potesse infettare gli umani.

La Covid-19 sarebbe un banale raffreddore? Questo è quello che suggerisce un post su Facebook con un video nel quale viene mostrato un vecchio manuale di medicina che lo sosterrebbe. Tuttavia, la realtà è più complessa.

Per chi ha fretta:

  • Un video su Facebook mostra la pagina di un’enciclopedia dove «i coronavirus» vengono associati ai sintomi del «comune raffreddore».
  • Il filmato viene strumentalizzato per sostenere che la pandemia sia un complotto.
  • La verità è che il SARS-CoV-2 che causa l’attuale pandemia è ben più grave di un comune raffreddore. I suoi sintomi non sono inclusi nell’enciclopedia perché quando è stata stampata, nel 1989, non si sapeva che questo virus potesse infettare gli umani.

Analisi

Di seguito vediamo uno screenshot del post che condivide il video. Si può notare che il filmato circola anche su TikTok, come si evince dal watermark dell’utente che l’ha diffuso sul social cinese: 99999aa_kiy. Nella descrizione si legge:

«Guardate cosa c’è scritto.. CORONAVIRUS = Raffreddore. PUBBLICATO IN: The American Medical Association. Encyclopedia of Medicine. Random House. New York – 1989»

Cercando l’enciclopedia in questione è possibile verificare che, effettivamente, la copertina mostrata su Facebook corrisponde a quella del tomo. Nel video viene inquadrata una pagina dell’enciclopedia che classifica diversi tipi virus e li associa alle condizioni e le malattie – «Examples of conditions or diseases» – che questi producono nel corpo umano. Arrivati alla voce «Coronaviruses» (plurale di Coronavirus, che equivale a dire «i coronavirus») nsi vede che questi causano il «comune raffreddore».

Puntualizzare l’suo del plurale è importante perché il fraintendimento generato dal video in esame deriva proprio da questo. Al mondo non esiste un solo tipo di Coronavirus, ma molti. Il termine Coronavirus viene utilizzato per via delle forma di questi agenti, circondati, appunto, da una corona, visibile al microscopio.

Attualmente sono sette i tipi di Coronavirus in grado di infettare gli esseri umani:

  • 229E (alpha coronavirus);
  • NL63 (alpha coronavirus);
  • OC43 (beta coronavirus);
  • HKU1 (beta coronavirus);
  • MERS-CoV (MERS);
  • SARS-CoV (SARS);
  • SARS-CoV-2 (COVID-19).

Di questi, gli ultime tre sono stati trovati negli esseri umani successivamente alla stampa del libro. Il manuali si riferisce quindi agli altri tipi di Coronavirus, tutti meno aggressivi del SARS-CoV-2 (sovente chiamato con il nome della malattica che causa: Covid-19) e spesso causa dei comuni raffreddori.

Come è evidente dai milioni di morti visti durante i due anni di pandemia, la malattia causata dal SARS-CoV-2 è ben peggiore di un comune raffreddore. A certificarlo è lo stesso nome dato al virus. L’acronimo SARS, infatti, sta per Severe acute respiratory syndrome (sindrome respiratoria acuta grave). A tale riguardo l’Oms scrive: «Chiunque può essere inferrato da SARS-CoV-2, ammalarsi gravemente e morire, ad ogni età».

Conclusioni

Un video su Facebook mostra la pagina di un’enciclopedia dove «i coronavirus» vengono associati ai sintomi del «comune raffreddore». Il filmato viene strumentalizzato per sostenere che la pandemia sia un complotto. La verità è che il SARS-CoV-2 che causa l’attuale pandemia è ben più grave di un comune raffreddore. I suoi sintomi non sono inclusi nell’enciclopedia perché quando è stata stampata, nel 1989, non si sapeva che questo virus potesse infettare gli umani.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: