No! In questa foto Mike Tyson non si trova in sedia a rotelle a causa dei vaccini anti Covid

La foto dell’ex campione che appare debilitato è stata condivisa assieme a una falsa citazione

Teorici e sostenitori della dannosità dei vaccini contro il Coronavirus cercano spesso testimonial per la loro causa: a volte, capita che alcuni personaggi noti vengano eletti a ricoprire il ruolo a loro insaputa. Questo è quello che, nel caso che andremo a vedere, è successo a Mike Tyson. A scatenare le illazioni dei No Vax è stata una foto dell’ex campione di pesi massimi in sedia a rotelle.

Per chi ha fretta:

  • Sta circolando sui social una foto dell’ex campione di pesi massimi Mike Tyson sulla sedia a rotelle.
  • L’immagine viene condivisa insieme a una citazione a lui attribuita in cui spiegherebbe come a debilitarlo sia stato il vaccino anti-Covid.
  • In realtà la citazione in questione è un mix di frasi pronunciati in contesti diversi.
  • Tyson inoltre si trovava in sedia a rotelle per via di un problema alla sciatica: non c’entrano nulla dunque i vaccini che ha ricevuto.

Analisi

L’immagine dell’ex pugile debilitato è stata condivisa sui social al fianco di una sua presunta citazione: «Mi sono vaccinato contro la mia volontà. Era necessario per poter viaggiare e quindi lavorare. Ora non mi reggo più in piedi e ho paura che la data della mia morte sia vicina».

Una frase che, accompagnata dall’immagine in sedia a rotelle, fa effettivamente un certo effetto. Ma è stata realmente pronunciata dall’ex campione?

Nel tentativo di rintracciarne l’origine, scopriamo che in realtà la citazione è il frutto di due diverse dichiarazioni, assemblate pretestuosamente, che se contestualizzate in maniera appropriata restituiscono un messaggio ben diverso.

La dichiarazione sulla morte

Cominciamo dalla dichiarazione che riguarda il presunto avvicinamento della fine dei suoi giorni. Come vediamo dallo screen in alto a sinistra, che sembra aver catturato la condivisione su Telegram di un articolo online, Mike Tyson avrebbe iniziato a fare considerazioni filosofiche «sulla morte e sui soldi». Raggiungendo la fonte originaria, ovvero questo articolo del New York Post risalente allo scorso luglio, riusciamo a scoprire meglio di che si tratta.

L’articolo riporta il contenuto di una puntata del podcast di Tyson, Hotboxin with Mike Tyson, e nello specifico l’episodio che ha visto ospite il suo terapista, Sean McFarland, specializzato in traumi e dipendenze. Al quale ha confidato (minuto 37.50):

Moriremo tutti un giorno, ovviamente. Poi, quando mi guardo allo specchio, vedo quelle piccole macchie sulla mia faccia, dico, ‘Wow. Ciò significa che il mio giorno si sta avvicinando, molto presto

E ancora (intorno al minuto 36):

Credi di essere invincibile quando hai molti soldi, il che non è vero. Ecco perché dico sempre che il denaro è un falso senso di sicurezza. (…) Quando metti i soldi in banca e ricevi un assegno ogni settimana e puoi vivere per il resto della tua vita, quella è sicurezza? Ciò significa che non ti prenderai una malattia, non potrai essere investito da un’auto? Non puoi saltare da un ponte. Non lo so. Questa è sicurezza? Il denaro può proteggerti da questo?

Non ha specificato a cosa si riferisse parlando delle macchie sul viso, ma una cosa è certa: riguardo ai vaccini, nessuna menzione. Nell’intero episodio, visualizzabile a questo link, Tyson rivela la sua ipocondria e la sua visione non proprio ottimistica del futuro, ma non sembra interessarsi alle questioni legate al Coronavirus.

Le remore sui vaccini e la sedia a rotelle

Certo è che ritenerlo un fervente sostenitore della causa vaccinale sarebbe impreciso. Nell’ottobre 2021, nel corso di un’intervista a Usa Today, il campione ha infatti affermato di essersi vaccinato, ma ha poi aggiunto: «Non l’ho fatto volentieri, e sono anche un po’ preoccupato a riguardo. Sono stato costretto perché faccio spesso viaggi internazionali, senza viaggiare non mangio. Quindi ho deciso di correre il rischio e sottopormi alla vaccinazione. E le persone, hanno la loro libertà di scelta». Poi fa una conclusione che ci torna utile: «Io non mi sono mai ammalato». Considerato che nella frase successiva dichiara di credere di aver contratto il virus a sua insaputa perché ha avvertito i sintomi, probabilmente quell’«I never got sick» da lui pronunciato si riferisce agli effetti collaterali del vaccino, che non sembrerebbe aver subìto.

E allora come si spiega l’immagine che lo vede costretto su una sedia a rotelle, che ha fatto discutere sui social? La vera causa è molto lontana dal Coronavirus e dai vaccini: lo scatto è stato realizzato nell’agosto 2022, un mese dopo il contestato episodio del podcast citato. Si è trattato, secondo quanto hanno riportato all’epoca le testate americane e non solo, di una «riacutizzazione della sciatica» nella parte bassa della schiena. Si tratta di un dolore che viaggia lungo il nervo sciatico, che va dalla parte bassa della schiena lungo una o entrambe le gambe fino ai piedi.

Non era la prima volta che colpiva l’ex pugile: come riporta Fox Sport, una simile riacutizzazione due anni fa lo aveva portato alle lacrime e poi costretto a letto per due settimane. Tyson ha dichiarato che talvolta queste riacutizzazioni diventano così gravi che «non riesce nemmeno a parlare». Ma ha poi aggiunto: «Grazie a Dio è l’unico problema di salute che ho».

Conclusioni

Mike Tyson non si trova in sedia a rotelle per gli effetti avversi alla vaccinazione. Sebbene non sia un grande fan della vaccinazione anti-Covid, la citazione a lui attribuita in merito ai vaccini e alla morte è un misto di frasi pronunciate in contesti diversi, assemblate per portare alla luce un significato distorto.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: