No! Questo video tra un aereo Usa e dei caccia russi nel Mar Nero non è del 2023

Fonti governative russe ne parlano già nel 2021

Su Facebook fioccano le condivisioni di un video dove si vede una grosso aereo della marina militare statunitense librarsi nei cieli che secondo chi diffonde il filmato sarebbero quelli sopra il Mar Nero. Sempre stando a quanto si apprende dai post su Facebook, il velivolo sarebbe stato intercettato nell’aprile 2023 e scortato altrove dalle forze militari russe, dato che – si sostiene – si stava dirigendo verso i confini della federazione. Sarà vero? Vediamo.

Per chi ha fretta:

  • Circola un video di un aereo della marina militare statunitense che viene scortato da dei caccia dell’aviazione russa.
  • Chi lo condivide sostiene che l’aereo americano sia stato deviato dai russi perché si stava avvicinando troppo al confine della Federazione, lo scorso 10 aprile.
  • Le uniche informazioni ufficiali sono reperibili su fonti governative russe, che confermano l’accaduto.
  • Non si tratta, però di un avvenimento legato alla guerra in Ucraina in corso da febbraio 2022, e tanto meno del 10 aprile 2023.
  • Il video appare su YouTube nel luglio del 2021, così come l’articolo sul sito del ministero della difesa russo.

Analisi

Di seguito si riporta lo screenshot di uno dei post che condivide il video. Nella descrizione, accompagnata da numerosi riferimenti a canali telegram, alcuni dei quali noti per diffondere disinformazione, si legge:

Ieri un altro aereo da ricognizione P-8 “Poseidon” della marina militare Usa è stato intercettato da un caccia delle forze russe sopra il Mar Nero e “scortato” lontano. Iscriviti 🔗 🇷🇺 @WarRealTime Canale✨@nonsiamoinvisibilicanale. No🙊 @ConfortZoneClub Gruppo 📣 @nonsiamoinvisibili Spazio libero 🛸 ✨ @SpazioLiberoChat

Lo stesso video condiviso da un altro utente riporta la scritta: «Boeing P-8 Aereo antisommergibile della Marina degli Stati Uniti intercettato sopra il Mar Nero dalla Forza aerea russa questa mattina».

Sebbene chi lo condivide voglia far credere che il video sia recente, e sembra sottintendere che il video sia correlato alla guerra in corso da febbraio 2022 tra Russia Ucraina. In realtà, però, non è così. Il filmato, infatti circola almeno dal 2021, come segnalato dal collega Athanasios Perdikopoulos (“Arsenios Keklikoglu”), e come si può comprovare sia su YouTube, dove il video è stato caricato il 7 luglio di quell’anno, sia sul sito ufficiale del ministero della Difesa russo, dove la vicenda viene descritta in un articolo dello stesso giorno.

Nell’articolo si legge: «La sera del 6 luglio, i mezzi russi di controllo dello spazio aereo sulle acque neutre del Mar Nero hanno rilevato un bersaglio aereo che si stava avvicinando al confine di stato della Federazione Russa. Per identificarlo e prevenire la violazione del confine, sono stati sollevati in aria due caccia Su-30 delle forze di servizio dell’aviazione navale e della difesa aerea della flotta del Mar Nero. Gli equipaggi dei caccia russi hanno identificato l’obiettivo aereo come un aereo Boeing P-8 Poseidon e lo hanno preso come scorta. Il volo degli aerei russi è stato effettuato in stretta conformità con le regole internazionali per l’uso dello spazio aereo. Non è consentita la violazione del confine di stato della Federazione Russa». Mentre le altre menzioni del fatto che Open è riuscita a reperire sono successive al luglio del 2021.

Conclusioni:

Circola un video di un aereo della marina militare statunitense che viene scortato da dei caccia dell’aviazione russa. Chi lo condivide sostiene che l’aereo americano sia stato deviato dai russi perché si stava avvicinando troppo al confine della Federazione, lo scorso 10 aprile. Le uniche informazioni ufficiali sono reperibili su fonti governative russe, che confermano l’accaduto. Non si tratta, però di un avvenimento legato alla guerra in Ucraina in corso da febbraio 2022, e tanto meno del 10 aprile 2023. Il video appare su YouTube nel luglio del 2021, così come l’articolo sul sito del ministero della difesa russo.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: