No! In questo video Vladimir Putin non parlava delle Ong e dell’Italia

Il contenuto circola da diversi anni, ma i sottotitoli montati al di sotto delle immagini sono scorretti

Circola sui social, o per meglio dire è tornato a circolare, un vecchio video che vede protagonista Vladimir Putin. Nella clip, della durata inferiore al minuto, vediamo il presidente russo rispondere alle domande di alcuni giovani e lanciarsi in invettive contro la politica italiana sul tema dell’immigrazione. Almeno, questo è quello che dicono i sottotitoli, dato che il colloquio avviene interamente in russo. E come vedremo aveva un contenuto ben diverso.

Per chi ha fretta:

  • Un vecchio video è tornato a circolare sui social, e vede protagonista Putin
  • La clip è in lingua russa. Basandoci sui sottotitoli in italiano, sembrerebbe che il leader del Cremlino stia commentando la situazione delle Ong e dell’Italia
  • In realtà, il contenuto del dialogo era ben diverso: Putin commentava la sua scelta di non coprirsi dalla pioggia nella giornata della commemorazione per le vittime della seconda Guerra Mondiale

Analisi

«IMMIGRAZIONE: Putin lo diceva già tanto tempo fa: la situazione è stata creata dal vecchio governo italiano che HA CEDUTO LA PROPRIA SOVRANITÀ IN CAMBIO DI SOLDI». Questo è il commento che accompagna la condivisione del filmato da parte di un’utente nel gruppo «I sopravvissuti».

Schiacciando play, leggiamo il presunto contenuto del dialogo. Inizia con una ragazza che, in maniera inspiegabile, si rivolge a Putin affermando: «Ho sentito che in Italia ci sono le Ong che portano immigrati in Italia». Al che il presidente del Cremlino ribatte: «Si sa che le Ong sono in contatto con gli scafisti, ma questo non viene detto… ragionate: vanno a prenderli, li scaricano, partono vuoti e tornano pieni. È UNA VERGONGA (sic)!!!!! Perché le autorità non intervengono? E lo Stato italiano? Renzi che fine ha fatto? Situazione creata dal vecchio governo per ottenere soldi in cambio della sovranità italiana. Guardate la situazione adesso… Disoccupazione, insicurezza… Spetta al nuovo governo adesso risolvere la situazione».

Senza sottolineare oltre quanto appaia surreale la presenza in Russia di una giovane così preoccupata per le sorti dell’immigrazione in Italia, osserviamo due elementi. Il primo è che sulle immagini appare la filigrana della pagina Facebook «NON CIELO DICONO», famosa soprattutto in passato e non certo per la sua affidabilità. Il secondo è che in alto a destra c’è un logo, in cui distinguiamo il nome Inessa S. Scopriamo che si riferisce a un canale YouTube con 104mila iscritti. Cercando tra i contenuti, troviamo anche il video in questione, pubblicato nel luglio del 2017. Ma la traduzione delle parole di Putin, in questo caso, è decisamente diversa (dal minuto 1.30 circa):

Quello che realmente la ragazza aveva chiesto a Putin era se avesse scelto di non ripararsi dalla pioggia con un ombrello nella giornata della commemorazione per le vittime della seconda Guerra Mondiale, come tributo a loro. Putin rispose parlando delle dure condizioni che devono affrontare i soldati al fronte, affermando che in quel momento non gli era passato per la mente che avrebbe dovuto utilizzare un ombrello. Aveva poi sdrammatizzato affermando: «Non sono fatto di zucchero, non mi sciolgo».

Osserviamo che il video condiviso dagli utenti è stato tagliato, rimpicciolendo l’inquadratura originale: così come è stato estromesso il logo del canale televisivo russo Rossiya 1 in alto a destra, sono stati estromessi i sottotitoli che contenevano le sue reali dichiarazioni in basso.

Conclusioni

Putin non ha mai fatto le affermazioni sulle Ong e l’Italia dichiarate in questo video condiviso sui social. Quello di cui realmente parlava al momento registrato era la sua scelta di non coprirsi dalla pioggia nella giornata della commemorazione per le vittime della seconda Guerra Mondiale del 2017.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: