Il Governo Meloni non ha introdotto un canone annuo di 130 euro sulla patente B

La somma, diversa da quella annunciata nei post, riguarda i costi fissi e variabili che si affrontano quando si rinnova la patente ogni 10, 5, 3 o 2 anni a seconda dell’età del conducente

Circolano numerosi post online secondo cui il governo Meloni – a cui si fa riferimento direttamente attraverso la premier Giorgia Meloni – avrebbe introdotto un canone annuo di 130 euro per i possessori di patente B. Questo canone non esiste, e deriva solamente da un’interpretazione erronea di un articolo dal titolo fuorviante a cui si è aggiunto un banner pubblicitario sulle elezioni europee dell’8 e 9 giugno di FdI con l’immagine della leader dell’esecutivo.

Per chi ha fretta:

  • Si sostiene che «Giorgia Meloni» abbia introdotto – o voglia introdurre – un canone annuo di 130 euro per i possessori di patente B.
  • L’informazione viene diffusa a partire da un articolo dal titolo fuorviante.
  • Nell’articolo c’è un banner elettorale con Giorgia Meloni, che però nel testo non appare mai.
  • Ad ogni modo, il canone non è annuale.
  • Si tratta della somma di alcuni costi fissi e variabili che si affrontano quando si rinnova la patente.
  • Il costo è comunque sovrastimato, seppur non impossibile da raggiungere.

Analisi

Vediamo uno screenshot di uno dei post oggetto di verifica (qui e qui un altro). Nella descrizione si leggono testi che ribadiscono la notizia secondo cui la patente b dovrebbe diventare a pagamento. Ad esempio il seguente:

La patente B a pagamento. Canone di 130 euro l’anno: tassata per garantire la sicurezza. Il governo Meloni, campione di tasse e balzelli negati dalla propaganda dei cinegiornali Rai Duce-Mediaset, il peggior nemico di famiglie, consumatori e cittadini.

I masochisti che voteranno “Giorgia” alle europee, saranno premiati da maggiori tasse: contenti loro!

Il contenuto rimanda a un articolo sul sito Autoruote4x4 (archiviato qui). Il pezzo ha un titolo diverso rispetto a quello che si vede nel post. Il presunto canone annuo da pagare, mentre questo articolo viene scritto, non è più di 130 euro ma di 63. Il titolo completo è: «La Patente B diventa a pagamento: canone di 63€ da versare ogni anno | Tassata per garantire sicurezza».

Tuttavia, il titolo assegnato all’articolo è fuorviante rispetto a quanto si legge al suo interno. Secondo riporta il testo, infatti:

La tassa viene pagata per ogni anno in cui si rinnova la patente e si aggira tra i 58 e i 63 euro (tenendo come i riferimento i costi medi). In seguito i costi nel dettaglio.

Costi fissi sono:

-€ 16 per la marca da bollo,

-€ 10,20 per i diritti della Motorizzazione,

-€ 6,8 per la spedizione della patente,

-Visita medica tra i € 25 e i € 30.

Cosa c’entrano Giorgia Meloni e le europee con il costo della patente

Molti associano il contenuto a Giorgia Meloni, e nello specifico al prossimo voto per le elezioni europee dell’8 e 9 giugno, in virtù della presenza di un banner elettorale in uno degli screenshot usati nel diffondere i post.

Quanto costa rinnovare la patente

La patente B deve essere rinnovata – come si legge sul sito del ministero dei Trasporti – ogni 10 anni per chi ha meno di 50 anni di età; ogni 5 anni tra i 50 e i 70 anni; ogni 3 anni tra i 70 e gli 80; e ogni 2 anni dopo gli 80. Sullo stesso sito si leggono i costi fissi per il rinnovo: ricevuta di pagamento di un bollettino PagoPA per la tariffa N004-DIRITTI € 10,20 | BOLLI € 16,00 – RINNOVO PATENTE.

A questi costi si aggiunge quello della visita medica, che varia in base a dove viene effettuata, aggirandosi normalmente tra i 20 e i 60 euro, nonostante il prezzo possa essere anche maggiore. Ad ogni modo, nessuno di questi costi, che sommati stanno tra i 46 e gli 86 euro, deve essere sostenuto con cadenza annua.

Conclusioni

Non c’è nessun “canone annuo” per i possessori di patente B. La cifra usata nei post è quella che va spesa per rinnovare la patente, una volta ogni 10, 5, 3 o 2 anni a seconda dell’età del conducente.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Leggi anche: