Gender fluid, il racconto di Marcello, dalla Puglia a Milano per vestirsi come vuole e sentirsi libero

Marcello ha diciannove anni e studia all’Istituto Europeo di Design aMilano. È originario di Trani, cittadina pugliese a meno di un’ora da Bari. Il trasferimentoha segnato una svolta nel suo modo di essere, lasciandolo «libero di giocare» con il suo genere senza dover fare i conti con contesto e pregiudizi.

«Quando vivevo al sud, esprimermi era più difficile», racconta. Milano «è una città più aperta, posso sperimentare di più, a partire dall’abbigliamento. A Trani non posso mica andare in giro in pelliccia!».

Marcello Parla di sé al maschile ela parola chiave di tutti i suoi discorsiè libertà. «Io sono gender fluid», dice«vuol dire che tu mi vedi come un ragazzo nel corpo di un ragazzo, e va bene. Ma allo stesso tempo, il modo in cui mi approccio e il modo in cui mi vesto non sono quello che la società definisce adatto a un ragazzo. Fine».

Leggi la nostra inchiesta sul gender fluid

La storia di Alvaro

photo

La storia di Elia

photo

La storia di Gabe

photo

La storia di Martu

photo