Addio a George Mendonsa, il marinaio che con un bacio fece la storia

L’uomo aveva baciato un’infermiera senza neanche conoscerla, tanto era la gioia per la fine della guerra

Una posa che sembra studiata, plastica, e invece no. I protagonisti sono loro: un marinaio e un'infermiera. Eppure era stato tutto così casuale – in quell'agosto del 1945- ma anche perfetto nei tempi, nel bilanciamento delle luci e dei corpi. Si erano baciati per puro caso, per il gusto di festeggiare la fine della guerra, per poi finire senza saperlo in uno scatto iconico. Così è nato Il bacio di Times Square.

Addio a George Mendonsa, il marinaio che con un bacio fece la storia foto 1

 Il bacio di Times Square di Alfred Eisenstaedt

Oggi – 18 febbraio – il marinaio Gorge Mendonsa è morto. Aveva 95 anni. A immortalarlo insieme all’infermiera Greta Zimmer Friedman, gli obiettivi di due fotografi, posti a due angolazioni differenti: il primo, il reporter tedesco Alfred Eisenstaedt, che diede poi vita alla foto universalmente conosciuta; il secondo, il fotografo americano Victor Jorgensen.

Addio a George Mendonsa, il marinaio che con un bacio fece la storia foto 2

 George Mendonsa

Lo scatto era stato realizzato con una Leica ed era stato pubblicato dalla rivista Life per la prima volta il 27 agosto del 1945, diventando l’immagine simbolo della felicità degli americani per la fine della Seconda Guerra Mondiale. L'unicità di quel momento sta anche nel fatto che i due non si amavano, non si conoscevano e, anzi, non si erano proprio mai visti. Non sapevano affatto di essere stati sorpresi e scolpiti nel tempo. Solo grazie Lawrence Verria, lo storico che riuscì ad identificarli e a rintracciarli, i due si sono rincontrati in un programma della Cbs, nel 2012.

Addio a George Mendonsa, il marinaio che con un bacio fece la storia foto 4

 Il bacio visto dal fotografo Victor Jorgensen

Il fotografo Eisenstaedt, anni dopo, aveva ricordato così quel momento: «A Times Square nel V-J Day, ho visto un marinaio che correva lungo la strada afferrando qualsiasi ragazza vedesse. Stavo correndo davanti a lui con la mia Leica guardandomi indietro, ma nessuno dei possibili scatti mi piaceva. Poi, all'improvviso, ho visto che afferrava qualcosa di bianco: mi sono girato e ho cliccato nel momento in cui il marinaio baciava l'infermiera. Se lei fosse stata vestita con un abito scuro non avrei mai scattato l'immagine. Lo stesso se il marinaio avesse indossato una divisa bianca. Ho fotografato esattamente quattro immagini, nel giro di pochi secondi. Solo una era quella giusta».

Addio a George Mendonsa, il marinaio che con un bacio fece la storia foto 3

 Greta Zimmer Friedman

Leggi anche