Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Lo screenshot delle spese telefoniche di Paola Taverna. Facciamo chiarezza

Da qualche giorno circola uno screenshot che riporta le «spese pazze» dei parlamentari del M5S, in particolare quelle telefoniche. La primatista sarebbe Paola Taverna, con 17 mila euro. Facciamo chiarezza

Il 2 marzo 2019 ero stato contattato via Twitter per rispondere in merito a uno screenshot riportante delle corpose spese telefoniche da parte dei parlamentari del Movimento 5 Stelle, in particolare quelle di Paola Taverna per una somma pari poco più di 17 mila euro. Oltre a richiedere la conferma o la smentita del dato, la domanda riguarda anche il periodo che riguarderebbero queste presunte spese: è del 2019? No. Lo screenshot è reale e ha origine dal sito Maquantospendi.it di Marco Canestrari, ex dipendente della Casaleggio Associati, dove vengono riportare nel dettaglio tutte le spese rendicontate dai parlamentari del Movimento 5 Stelle durante l’arco della scorsa legislatura. La fonte dei dati? Il sito ufficiale del M5S Tirendiconto.it, di fatto parziali a seguito di mancati aggiornamenti ed espulsioni.

Dal sito Maquantospendi.it è possibile vedere nel dettaglio le spese della senatrice Taverna durante l’arco della scorsa legislatura, ottenendo anche una media mensile pari a 306.05€. Lo stesso vale per tutte le altre spese, ma anche le cifre e la media relativa al «bonifico restituzione» dove vediamo al primo posto Massimiliano Bernini con 315,513.73€ restituiti, mentre la Taverna si posiziona al 68° posto con 173,684.17€ sopra un Luigi Di Maio al 77° posto con 160,782.06€ restituiti.Maquantospendi.it è stato, per la scorsa legislatura, l’apriscatole di quella «scatoletta di tonno» che conteneva tutti gli scontrini del Movimento 5 Stelle, forniti agli utenti in forma grezza e senza fornire certi dettagli. Quanti attivisti si sarebbero «spulciati» i conti per fare questo genere di analisi? Una domanda che dovremmo riproporre durante questa legislatura, per trasparenza.

Sempre a proposito di trasparenza, il sito Tirendiconto.it è stato letteralmente aggiornato e i dati della scorsa legislatura non risultano consultabili all’indirizzo https://www.tirendiconto.it/trasparenza (da Web.Archive.org è possibile recuperare un ultimo salvataggio datato 28 febbraio 2018). Risulta scaricabile la documentazione generale – non per singolo parlamentare – messa a disposizione nell’area download del nuovo sito.