David Bowie, all’asta la prima registrazione di «Starman», si parte da 11 mila euro

di Valerio Berra

Il nastro con la demo del singolo tratto da «The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars» è stato ritrovato in una scatola di cartone abbandonata in una soffitta

«There's a starman waiting in the sky, he'd like to come and meet us, but he thinks he'd blow our minds». Se conoscete un po' David Bowie, leggendo queste parole le avrete immaginate cantate con la loro melodia. È l'attacco del ritornello di Starman, pubblicato nel 1972. Questo brano è uno dei singoli di The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars, un album che la rivista Rolling Stone ha inserito al 35° posto fra i migliori nella storia della musica.

La prima traccia di questo singolo è stata ritrovata in una scatola, lasciata in soffitta per quasi mezzo secolo. Questa settimana sarà messa in vendita alla casa d'aste Omega Auctions, a Newton-le-Willows, una cittadina tra Manchester e Londra. A ritrovarla è stato il proprietario della soffitta in cui era custodita: Kevin Hutchinson. Nel 1971 era un aspirante musicista. Uno dei suoi amici si chiamava Mick Ronson, era un chitarrista e collaborava con David Bowie. È stato lui a dare il nastro a Hutchinson, perché potesse imparare a suonare la canzone.

Le parole di David Bowie registrate sul nastro

«This is ok». Hutchinson dopo aver ascoltato il brano non ne era particolarmente entusiasta. D'altronde, come ammette lui stesso: «A 16 anni, niente ti impressiona». La cassetta quindi viene lasciata in una scatola, con l'etichetta «Nastro per le prove di David Bowie». E lì è rimasta, per anni, fino a quando la moglie di Hutchinson gli ha ricordato tutta questa storia.

Dopo 48 anni la registrazione potrebbe essere danneggiata ma il proprietario del reperto ha definito la sua qualità «stupenda». L'asta comincerà martedì 12 marzo. Il prezzo di partenza è stato fissato a 10 mila sterline, circa 11 600 euro. Seconda la casa d'aste potrebbe essere la prima registrazione di Starman, fino a nuovi ritrovamenti. Nella nastro si sente anche David Bowie che confida a Ronson di non aver ancora finito di scrivere la canzone.