Carlo Calenda e gli europeisti a giorni alterni che si oppongono al Ceta

In seguito al botta e risposta con Laura Boldrini, il leader di Siamo Ruropei se la prende con gli europeisti a targhe alterne che si oppongono al Ceta. Ecco cosa scriveva Zingaretti nel 2017 

Carlo Calenda, in seguito al botta e risposta con Laura Boldrini per i contenuti pubblicati in un'intervista da lui rilasciata a Panorama, dove sostiene che alcuni passaggi sono spariti, pubblica un tweet dove prende le distanze e diffida gli «europeisti a giorni alterni che si oppongono all’approvazione del #ceta con procedura europea e poi chiedono gli Stati Uniti d’Europa».

Carlo Calenda e gli europeisti a giorni alterni che si oppongono al Ceta foto 1

Iscritto al Partito Democratico il 5 marzo 2018, Carlo Calenda con il suo progetto «Siamo Europei» dovrebbe diffidare chi all'interno del suo partito è contrario all'approvazione del Ceta. Il 4 luglio 2017 Nicola Zingaretti, oggi segretario del Partito Democratico, pubblica il seguente tweet:

Il Lazio dice No a #Ceta. Chiediamo a Parlamento di fare lo stesso, difendiamo nostri produttori e sapori da commercio ingiusto senza regole

Carlo Calenda e gli europeisti a giorni alterni che si oppongono al Ceta foto 2

Ecco il comunicato della Regione Lazio dove attualmente il Presidente è ancora Nicola Zingaretti:

La Giunta della Regione Lazio ha approvato all’unanimità una memoria contraria al CETA, l’accordo commerciale concluso tra l'Unione Europea e il Canada per creare una zona di libero scambio tra le due aree, invitando il Parlamento a non votare a favore della ratifica e a impedirne l’entrata in vigore in via provvisoria.

Il CETA ha tra i suoi obiettivi fondamentali la progressiva liberalizzazione degli scambi; un’attività di riduzione o soppressione reciproca dei dazi doganali sulle merci originarie dell’altra Parte; l’astensione dall’adozione o dal mantenimento in vigore di divieti o restrizioni all’importazione merci dell’altra Parte o all’esportazione di merci destinate al territorio dell’altra Parte.

Dispone, inoltre, la creazione di una corte arbitrale, chiamata ICS (Investment Court System), incaricata di giudicare le eventuali controversie. L’ICS sarà composto da 15 membri, nominati da uno dei comitati creati dal CETA stesso, il Comitato misto, che stabilisce un regime speciale di responsabilità dello Stato e dell’Unione davanti a un tribunale speciale a esclusivo beneficio degli investitori canadesi.

L’accordo rischia di colpire profondamente il modello agricolo locale, i diritti dei lavoratori, il sistema sanitario e le norme a protezione dei consumatori e dell’ambiente. E gli arbitrati potrebbero invadere, se non addirittura schiacciare, il potere legislativo dei parlamenti locali.

L’agroalimentare ‘made in Italy’ e, con esso, le produzioni del Lazio rappresentano una voce importante che contribuisce alla coesione sociale, attraverso lo sviluppo di occasioni e il miglioramento delle condizioni di lavoro.

La Regione Lazio, in collaborazione con Arsial, ha tra i propri compiti la promozione dei prodotti agricoli e agroalimentari; la valorizzazione delle produzioni tipiche, tradizionali e di qualità; lo sviluppo del territorio e del settore agroalimentare; la tutela della biodiversità, catalogando, preservando e divulgando il patrimonio genetico del Lazio.

Nel Lazio, il rischio è che i prodotti agroalimentari tutelati da un marchio DOP oppure IGP potranno essere emulati, riprodotti da chiunque, per essere esportati in Canada e liberamente venduti a prezzi più competitivi con gravissimi danni per chi li produce attenendosi ai rigidi disciplinari imposti dai consorzi di tutela.

 

Il sito europeista di Carlo Calenda ha un piccolo problema di privacy