Fact-checking – La citazione di Matteo Salvini: «La sorella di Cucchi mi fa schifo»

di David Puente

Circola online una citazione attribuita a Matteo Salvini su Ilaria Cucchi: «La sorella di Cucchi mi fa schifo, si dovrebbe vergognare». Ecco da dove proviene e di cosa si trattava

L'otto aprile 2019 la pagina Facebook de I Sentinelli di Milano pubblica un'immagine che riporta una citazione di Matteo Salvini datata 4 gennaio 2016: «La sorella di Cucchi mi fa schifo, si dovrebbe vergognare per quanto mi riguarda. Difficile pensare che ci siano stati Carabinieri che pestarono quello lì per il gusto di pestare». La sola data non permette all'utente di conoscere la fonte, infatti su Whatsapp – al numero 3518091911 – ci segnalano il post sostenendo che si tratti di una bufala siccome sarebbe «un post scritto da Salvini» successivamente «manipolato e cambiato per sembrare quello che non è».

Fact-checking - La citazione di Matteo Salvini: «La sorella di Cucchi mi fa schifo» foto 1

Al momento l'unico post Facebook scritto da Matteo Salvini nella sua pagina in merito a Cucchi o alla sorella è quello di oggi, 9 aprile 2019, mentre la fonte della citazione è un suo intervento del gennaio 2016 ai microfoni del programma radiofonico La Zanzara.

Il post del 2016 di Ilaria e la risposta di Salvini

Ilaria Cucchi, dal suo profilo Facebook, pubblica nel gennaio 2016 la foto in costume da bagno di Francesco Tedesco, uno dei carabinieri imputati del processo che riguarda la morte di suo fratello Stefano:

Volevo farmi del male, volevo vedere le facce di coloro che si sono vantati di aver pestato mio fratello, coloro che si sono divertiti a farlo. Le facce di coloro che lo hanno ucciso. Ora questa foto è stata tolta dalla pagina. Si vergogna? Fa bene.

Fact-checking - La citazione di Matteo Salvini: «La sorella di Cucchi mi fa schifo» foto 2

Il post nel profilo Facebook di Ilaria. L'originale era sulla sua pagina Facebook, poi rimosso.

Matteo Salvini, intervenuto in seguito a La Zanzara ospite di Cruciani e Parenzo, commenta così:

Salvini: «Capisco il dolore di una sorella che ha perso il fratello, ma mi fa schifo».

[Dialogo tra Cruciani e Salvini dove viene chiesto a quest'ultimo di togliere il vivavoce]

Salvini: «Dico che capisco il dolore di chi ha perso un fratello però è un post che fa schifo. Ricorda tanto il documento contro il commissario Calabresi».

[…]

Salvini: «Ci sarà un 1% di chi porta una divisa che sbaglia e deve pagare, anzi deve pagare doppio se porta una divisa, ma io sto sempre e comunque con Polizia e Carabinieri e averne di Polizia e Carabinieri come quelli che abbiamo in Italia, la sorella di Cucchi si dovrebbe vergognare per quanto mi riguarda».

Matteo Salvini sostiene che Ilaria Cucchi si dovrebbe vergognare, paragonando il suo post Facebook a storie ben peggiori:

Salvini: «Questa storia dovrebbe insegnare. Qualcuno in passato fece un documento pubblico, intellettuali, sdegnati, contro un commissario di polizia che fu assassinato. Io ora auguro lunga vita sia alla sorella di Cucchi che ai Carabinieri che possono mettere una foto in costume da bagno sulla pagina Facebook o un Carabinieri non può andare al mare?  Ed è assolutamente vergognoso».

Le considerazioni di Salvini continuano, definendo l'atto della Cucchi in altre maniere:

Parenzo: «Ha biasimato quelli che hanno insultato il Carabiniere.»

Salvini: «E cosa pensava di ottenere con il suo post? Che facessero i complimenti al tutore delle forze dell'ordine?»

Parenzo: «Ma se dovessimo arrestare, querelare tutti quelli che scrivono puttanate sui social network…»

Salvini: «Ma sai quanti ce ne sono che mi minacciano di morte su Facebook, chissenefrega mi faccio una risata e vado oltre, però visto che di menti labili in Italia purtroppo ce ne sono tante additare un uomo delle forze dell'ordine al pubblico massacro mi sembra demenziale».

Fact-checking - La citazione di Matteo Salvini: «La sorella di Cucchi mi fa schifo» foto 3

Tedesco è imputato nel processo Cucchi bis, accusato di omicidio preterintenzionale insieme ai suoi colleghi Raffaele D'Alessandro e Alessio Di Bernardo.

In merito all'ultima parte della citazione la frase esatta è la seguente: 

Salvini: «Non faccio né l'avvocato né il giudice, non conosco gli atti e non mi permetto… mi sembra difficile pensare che in questo, come in altri casi, ci siano stati Poliziotti o Carabinieri che per il gusto di pestare abbiano pestato».

Sempre secondo Matteo Salvini, il Carabiniere avrebbe fatto bene a querelarla. Oggi quello stesso Carabiniere nella foto, a distanza di anni, accusa apertamente gli altri due militari coimputati, Raffaele D'Alessandro e Alessio Di Bernardo. Ecco quanto dichiarato al processo:

Chiedo scusa alla famiglia Cucchi e agli agenti della polizia penitenziaria, imputati al primo processo.  Per me questi anni sono stati un muro insormontabile.

 

Conclusione

L'intervento ha come oggetto il post Facebook di Ilaria Cucchi per il quale Matteo Salvini ha sostenuto di provare «schifo», ritenendolo un atto «demenziale», siccome metteva al «pubblico massacro» un agente delle forze dell'ordine. Per questo motivo, secondo Salvini, la sorella di Stefano si doveva «vergognare».

Fact-checking - La citazione di Matteo Salvini: «La sorella di Cucchi mi fa schifo» foto 4

Il post originale nella pagina Facebook di Ilaria, poi rimosso.

Aggiornamento

Alle 14:16 del 9 aprile 2019 il Ministro dell'Interno ha annunciato querela contro il Partito Democratico per un'immagine che lo ritrae con la citazione «La sorella di Cucchi mi fa schifo»:

FACCIAMO GIRARE OVUNQUE, CONTRO LE FAKE NEWS DEL PD! BASTA. Avevo già smentito: la mia affermazione riguardava non la persona ma un POST di Ilaria Cucchi. Post che lei stessa cancellò successivamente, ammettendo l'errore. E al PD arriverà una querela.

Fact-checking - La citazione di Matteo Salvini: «La sorella di Cucchi mi fa schifo» foto 5

 

Caso Cucchi: le parole del Governo e quelle scuse che non arrivano