L’Atac ha noleggiato 70 autobus nuovi. Ma non possono circolare

di Redazione
L'Atac ha noleggiato 70 autobus nuovi. Ma non possono circolare

I mezzi erano stati noleggiati da Tel Aviv per rimpinguare la flotta romana, ma sono fermi nei depositi

Settanta autobus quasi nuovi, ma bloccati nei depositi: parliamo dei 70 bus provenienti da Israele e presi a noleggio dall’Atac per rimpinguare la flotta di autobus romani, spesso obsoleti e con grossi problemi di manutenzione. I nuovi bus – che nuovi non sono perché avevano già 10 anni di servizio alle spalle – hanno un problema: sono Euro 5 – non Euro 6 come prevedono le norme - e non possono circolare sulle strade romane. 

«I 70 bus sono bloccati nei depositi: non entreranno mai in servizio»

A denunciarlo è la consigliera dem Ilaria Piccolo: «Secondo quanto abbiamo appreso, i 70 autobus usati provenienti da Tel Aviv sono bloccati nei depositi di Salerno e Roma. Non entreranno mai in servizio, perché non possono essere immatricolati, dato che sono Euro 5 e non Euro 6». La Piccolo si rivolge poi alla giunta capitolina: «Raggi e Meleo vengano in Aula a spiegare quello che si prefigura come l'ennesimo danno perpetrato nei confronti di Roma e dei suoi cittadini». 

La nuova flotta dovrebbe salvare l’Atac

Il noleggio dei 70 autobus usati è di per sé una misura di ripiego ed emergenziale dell’Atac: l’azienda romana, per onorare il piano concordato preventivo che la salverebbe dal fallimento, entro il 2019 dovrà aumentare il numero di chilometri percorsi dagli autobus romani entro il 2020. Per fare ciò, sono stati ordinati 227 nuovi autobus, ma la società che dovrebbe far pervenire i nuovi mezzi ha avuto problemi finanziari e pertanto fornirà i nuovi bus entro la fine dell’anno.

La risposta dell’Atac 

L’azienda per i trasporti del comune di Roma ha assicurato che per i 70 autobus provenienti da Tel Aviv ha già versato ai fornitori un anticipo del 16% dell’importo, ma che questo non rappresenta un rischio economico per l’azienda: «I corrispettivi versati finora sono coperti da una specifica polizza di garanzia. Il fornitore – aggiunge l’Atac in una nota – sta provvedendo a sue spese a finalizzare quanto necessario per mettere le vetture in strada come previsto dal contratto». 

Foto copertina Ansa | I nuovi autobus presentati dall'Atac nel 2016